FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, nuovi contagi in Italia: altri 523 casi, 6 i morti | Il governo: rischioso tenere aperte le discoteche

Tra le Regioni solo la Valle dʼAosta non fa registrare nuovi casi mentre i maggiori incrementi si registrano in Veneto (+84) e Lombardia (+74). Monitoraggio, il ministero: "Situazione in progressivo peggioramento"

I nuovi casi di coronavirus superano quota 500 nelle ultime 24 ore. Secondo i dati del ministero della Salute si contano 523 nuovi contagi e sei decessi, due dei quali in Lombardia, dove i nuovi positivi sono 74. In tutto i morti sono finora 35.231. Due in più i ricoverati in terapia intensiva, sette in più quelli negli altri reparti Covid.

Il Veneto supera la Lombardia nel numero di casi, con 84 nuovi infetti (erano 60 ieri) contro i 74 (ieri 102) lombardi. Terza Regione la Liguria con 63 nuovi positivi (ieri erano 26), poi c'è la Sicilia con 42 nuovi casi (ieri erano 29). Solo la Valle d'Aosta non presenta nuovi contagi. Ieri zero casi erano stati registrati in Valle d'Aosta, Molise, Basilicata, oltre che nella provincia autonoma di Trento.

 

Preoccupa la Puglia, l'epidemiologo: "E' l'innesco di una seconda ondata" Gli occhi degli esperti sono puntati sulle località turistiche. "Penso che i casi registrati fra luglio e agosto" in Puglia "rappresentino l'innesco di una seconda ondata. Lo stesso innesco che a febbraio, semplicemente, non abbiamo rilevato e che poi ha provocato la grande ondata", ha detto l'epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale pugliese per l'emergenza coronavirus. Secondo Lopalco, però, "le onde di oggi sono quelle di una mareggiata. Se siamo bravi a contenerle, probabilmente non svilupperanno lo tsunami". 

 

In Calabria chiuse discoteche e sale da ballo In Calabria il presidente della Regione, Jole Santelli, ha firmato un'ordinanza con la quale dispone la chiusura di tutte le attività che hanno attinenza con il ballo, quindi sale da ballo, discoteche e locali assimilati come i lidi balneari, all'aperto o al chiuso. La decisione, si legge in un comunicato, è stata presa "in accordo con il governo nazionale e dopo aver interloquito con i ministri della salute e degli affari regionali, Francesco Boccia e Roberto Speranza". Il divieto sarà valido fino al 7 settembre.

 

Nove casi in ospedale a Reggio Calabria, anche tra operatori sanitari Nove nuovi casi di coronavirus sono stati rilevati, anche tra gli operatori sanitari, nel Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Lo ha comunicato la direzione, informando che è stato deciso di "intensificare le misure di sicurezza già adottate". Si sta inoltre procedendo a sottoporre a tampone tutti i ricoverati e tutto il personale, a partire dai reparti interessati. 

 

 

Governo a Regioni, discoteche aperte rischio serio - Tenere le discoteche aperte "è un serio rischio". Lo sottolineano fonti di governo ricordando alla Regioni che l'esecutivo, anche nell'ultimo Dpcm, "ha sempre ribadito che le aperture non erano e non sono previste". Proprio per tentare di trovare una soluzione condivisa e dopo l'incontro di mercoledì al quale hanno partecipato i ministri Speranza, Boccia e Patuanelli, secondo quanto si apprende, il ministro degli Affari Regionali potrebbe riconvocare per domani i governatori

 

A Capri il sindaco impone l'obbligo di mascherine tutto il giorno A Capri da venerdì 14 fino al 30 agosto sarà obbligatorio indossare la mascherina tutto il giorno. Il sindaco Marina Lembo ha così esteso l'obbligo già in vigore dalle 18 alle 4 del mattino. Anche la zona, che nella prima ordinanza riguardava solo le aree limitrofe al centro, ora è stata ampliata a gran parte del comune.

 

Il ministero: "Situazione in progressivo peggioramento" - Nel suo rapporto di Monitoraggio sulle infezioni da Covid nella settimana 3-9 agosto, il ministero della Salute e l'Iss parlando di una situazione di "transizione con tendenza a un progressivo peggioramento". Le infezioni contratte nella seconda metà di luglio, si legge, mostrano "importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione. E' essenziale mantenere elevata l'attenzione e continuare a rafforzare le attività di contact tracing in modo da identificare precocemente i potenziali focolai e continuare a controllare l'epidemia".

 

Meno regioni con Rt sopra l'uno, prima la Sicilia - Sono nove le Regioni con Rt maggiore di uno, tre in meno rispetto alla settimana scorsa quando se ne condavano 12, con la Sicilia con 1.40, il livello più alto. Tre le Regioni con valore pari a zero: Basilicata, Calabria e Molise. Superata la soglia anchein Abruzzo, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto. 

 

Coronavirus, migrante positivo a Milano: l'esercito presidia centro di accoglienza

Un migrante positivo al coronavirus è stato trasferito in una struttura apposita per la quarantena ed è stato disposto un presidio dell'esercito. E' la situazione che si sta vivendo al Centro di accoglienza straordinaria di via Quintiliano a Milano, dove si sono verificate anche proteste da parte degli ospiti del centro. Il migrante positivo, un 30enne originario del Ghana che lavora come magazziniere, è asintomatico ed è stato trasferito a Linate, in un hub gestito dalla Croce Rossa. Per gli altri 44 ospiti del centro e per i cinque operatori è stato disposto l'isolamento all'interno della struttura. Al momento nessuno dei 44 migranti mostra sintomi del Covid.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali