FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Conte: "I sindaci potranno chiudere vie e piazze" | "Scuola continuerà in presenza"

Il premier ha quindi spiegato che sarà data una settimana alle palestre per allinearsi ai protocolli

"Il Paese non può permettersi un nuovo lockdown generalizzato". Così Giuseppe Conte spiegando le misure contenute nel nuovo dpcm. Tra le novità introdotte la possibilità per i sindaci di chiudere vie e piazze dove si crea assembramento. Confermata l'attività in presenza per le scuole, anche se si incentiverà la didattica digitale per gli istituti superiori.

Ristoranti aperti fino alle 24, massimo 6 persone a tavoloIl nuovo pacchetto di misure coinvolge soprattutto bar e ristoranti che chiuderanno a mezzanotte, ma su di loro potrebbero gravare provvedimenti che puntano a limitare in modo mirato i luoghi che espongono a maggiore rischio di assembramento: in quei casi la chiusura anticipata alle 21 potrebbe quindi essere applicata, secondo il provvedimento, dagli stessi sindaci per intere strade.

 

Sindaci che però non ci stanno e rimandano la palla al governo: "Sarebbe un coprifuoco scaricato sulle nostre spalle. L'esecutivo si assuma le sue responsabilità".

 

In qualunque caso, dalle 18 sarà possibile soltanto il consumo al tavolo, a cui dovranno in ogni caso sedersi massimo sei persone. E all'esterno dei locali dovrà essere riportato il numero massimo di clienti consentiti all'interno. 

 

Una settimana alle palestre per adeguarsi ai protocolli Palestre aperte, come volevano i governatori, ma con riserva: dopo un braccio di ferro tra i ministri di Sport e Salute, Spadafora e Speranza, il secondo era per chiuderle, le strutture incassano al momento una settimana di tempo per adeguarsi in maniera rigorosa ai protocolli. Gli sport di contatto a livello amatoriale, come calcetto e basket, restano vietati con uno stop anche per le relative associazioni e scuole per bambini e ragazzi. Il calcio dilettantistico resta attivo fino alla prima categoria.

 

Conte presenta le norme previste dal nuovo dpcm

 

Più smartworking per alleggerire il trasporto pubblico Sul fronte dell'alleggerimento del trasporto locale, l'unica soluzione che accontenta tutti, esecutivo e Regioni , è quella di portare la quota di persone in smartworking dal 50 al 75%. Non ci sarà una riduzione della quota di riempimento dei mezzi, ma l'adozione di misure un maggior controllo sulle banchine delle metropolitane per agevolare i flussi di salita e discesa. "Aerei, navi, bus, treni a lunga e corta percorrenza hanno contribuito con lo 0,1% al contagio", chiarisce il ministro ai Trasporti, Paola De Micheli, che, oltre ai 1.600 bus turistici in circolazione, si dice "disponibile a potenziare il sistema".

 

Scuola, ingressi scaglionati e  possibili turni pomeridiani Cambia anche il calendario sugli orari delle scuole: ulteriori scaglionamenti, anche con eventuali turni pomeridiani e l'ingresso non prima delle 9, puntano a limitare il rischio caos nelle ore di punta, ma c'è il 'ni'' del ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina sulla richiesta pressante delle Regioni di potenziare la didattica a distanza, affinché diventasse in questi mesi una regola per il quarto e quinto anno delle superiori, e di indicarla in una norma nel prossimo dpcm.

 

Stop a sagre e fiere Si torna indietro di mesi sul fronte degli eventi: saranno sospese sagre e fiere, ma consentite la manifestazioni di carattere nazionale e internazionale.

 

"Massima precauzione con parenti e amici" "La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente - ha spiegato Conte -. Le misure più efficaci restano le precauzioni di base: mascherina, distanziamento e igiene delle mani. Facciamo attenzione nelle situazioni in cui abbassiamo la guardia, con parenti ed amici. In queste situazioni occorre massima precauzione". "Il governo c'e' ma ciascuno deve fare la sua parte". 

 

"Pronte 1.600 attrezzature per terapie intensive" "In questi mesi - ha poi spiegato Conte nel corso della conferenza stampa nella quale ha illustrato le norme contenute nel nuovo dpcm - abbiamo lavorato intensamente, abbiamo più che raddoppiato i posti in terapia intensiva e siamo già pronti a distribuire altre 1.600 attrezzature per le terapie intensive e sub intensive. Siamo partiti da zero con le mascherine e ora ogni giorno ne distribuiamo 20 milioni: siamo in grado di fornire una mascherina agli studenti ogni giorno giorno. Siamo consapevoli che abbiamo diverse criticità ma siamo arrivati a fare 160mila tamponi al giorno anche se dobbiamo evitare le file di ore per farli".

 

 

Per Asl obbligo di segnalare contagio su app Immuni Tra le nuove disposizioni presenti del dpcm anche l'obbligo per le Asl di segnalare il contagio sulla App Immuni. "Al fine di rendere più efficace il contact tracing attraverso l'utilizzo dell'App Immuni - si legge nel testo del decreto -, è fatto obbligo all'operatore sanitario del Dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale, accedendo al sistema centrale di Immuni, di caricare il codice chiave in presenza di un caso di positività". 

 

Dpcm scade il 13 novembre, da mercoledì ingressi licei alle 9 Le misure del nuovo dpcm saranno valide fino al 13 novembre. Lo si legge nella versione finale del testo, pubblicata sul sito del governo. Le norme entrano in vigore il 19 ottobre. Fanno eccezione le norme che rafforzano la didattica a distanza e gli orari scaglionati alle superiori, consentendo i doppi turni e stabilendo l'ingresso a scuola per i liceali non prima delle 9: questa disposizione varrà da mercoledì 21 ottobre.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali