FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il coronavirus ha bloccato la Sanità, ora si rischia un "ingorgo" | "Con i ritardi si rischiano più morti che per il Covid"

Saltati almeno 600mila interventi chirurgici e milioni di visite e di esami. "Serviranno mesi per tornare alla normalità"

L'emergenza coronavirus ha quasi completamente bloccato per circa tre mesi le normali prestazioni della Sanità. Saltati almeno 500mila interventi chirurgici e milioni di visite e di esami. Con la ripartenza si rischia l'ingorgo delle strutture sanitarie. E intanto arriva l'allarme dei medici: con i ritardi di diagnosi e cure si rischiano più morti che per il Covid-19.

A mettere in guardia sui rischi è Pierluigi Marini, presidente dell' Associazione chirurghi ospedalieri italiani e primario al San Camillo di Roma. "È una situazione mai affrontata prima - ha detto -. Con la chiusura delle sale operatorie, con gli ospedali, almeno all' inizio, non attrezzati a percorsi Covid o completamente occupati dall' emergenza del virus, il nostro lavoro si è interrotto quasi del tutto".

 

Sistema sanitario sotto stress Come riferito da Repubblica, il sistema sanitario ha subito il più grande stress della sua storia con medici e infermieri che hanno lavorato giorno e notte per tre mesi, accumulando stanchezza e straordinari e in alcuni casi ammalandosi. Ora giungono le richieste dei malati che non si sono fatti vedere a marzo, aprile e maggio, magari perché impauriti dall' idea di prendere il Covid oppure perché i loro appuntamenti erano stati cancellati. Si stima che siano 3 milioni solo coloro che hanno bisogno del cardiologo e 12 milioni quelli che devono fare un esame radiologico. 

 

Drastico calo delle operazioni oncologiche A preoccupare, in particolare, è il calo del 50% delle operazioni oncologiche. "E nel nostro Paese abbiamo circa mille nuovi casi di cancro al giorno", ha aggiunto Marini, che chiede investimenti rapidi e importanti sulla sanità, sia per assumere che per acquisire nuove tecnologie. "Dobbiamo tentare il recupero - ha spiegato ancora -. Ma se anche lavorassimo il 20% più di prima, impiegheremmo 11 mesi a raggiungere una cifra di interventi accettabile, che colmerebbe il divario che si è creato. Non è fattibile. Le conseguenze di questo accumulo sono spaventose".

 

Meno screening, anche a causa delle misure anti-Covid A preoccupare sono anche gli effetti dello stop agli screening oncologici. Secondo una ricerca del centro studi Nomisma di Bologna, a settembre, complice anche il fatto che in agosto questa attività praticamente si interrompe, ci saranno 4 milioni di esami di screening da fare in 3 mesi. Cioè i due terzi del totale dell' anno. Si stima che le misure anti coronavirus riducano tuttora del 20-30% l' attività  perché, ad esempio, bisogna dare appuntamenti più distanziati ai pazienti per evitare incontri in sala d' attesa.

 

Coronavirus, riapre il pronto soccorso nell'ospedale di Codogno

 

Si allungano i tempi per le operazioni Sempre Nomisma ha analizzato il calo dell'attività chirurgica durante il lockdown: tra marzo e giugno sono destinate a saltare circa 410mila operazioni. Quasi mezzo milione se si contano anche quelle contro il cancro riferite dai chirurghi. Gli effetti si vedranno a breve. "Per un intervento programmato di bypass coronarico o di angioplastica coronarica, dove l' attesa media nazionale si aggira intorno ai 20-25 giorni, i tempi potranno raggiungere i 4 mesi, mentre per un impianto di protesi d' anca l' attesa potrà raddoppiare superando i sei mesi", hanno spiegato Maria Cristina Perrelli Branca e Paola Piccioni, analiste di Nmisma.

 

L'allarme dei cardiologi Chi ha già visto gli effetti del lockdown sono i cardiologi. "Abbiamo avuto la metà di ricoveri di pazienti con infarto miocardico rispetto all' anno scorso - ha detto il presidente della Società italiana di cardiologia, Ciro Indolfi -. E tra chi si è ricoverato, la mortalità è triplicata". Qualcuno non è andato in ospedale malgrado i sintomi, e tra quanti lo hanno fatto c' è chi si è presentato troppo tardi. "In buona sostanza, siamo tornati indietro di 20 anni", ha concluso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali