FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Chiusure domenicali ad Avellino, gli abitanti: “Si va a messa a confessarsi non a spendere soldi”

Quarta Repubblica nella città campana per capire l’opinione delle persone sulla chiusura degli esercizi commerciali dopo le parole del sindaco di Milano

Sulla chiusura dei negozi ad Avellino pare proprio che il sindaco di Milano Giuseppe Sala avesse ragione, quando la proponeva come opzione valida per la città campana. I cittadini della provincia meridionale, infatti, paiono essere poco convinti dell’apertura domenicale dei negozi e auspicano un ritorno all’era pre-Monti che, nel decreto "Salva Italia" del 2011, inserì la norma per la liberalizzazione in materia di orari delle attività commerciali.

Ad Avellino invocano addirittura il riposo domenicale previsto dalla Chiesa Cattolica: “Il Signore ha creato il settimo giorno per stare in famiglia”... e per rimpinzarsi di pastarelle. Il primo cittadino Vincenzo Ciampi confessa infatti che alle 12 di ogni domenica, le pasticcerie del corso vengono prese letteralmente d’assalto per l'acquisto di dolci da consumare a fine pranzo. Completa il quadro delle opinioni avellinesi, chiaramente contrarie a tenere aperti i negozi nei giorni festivi, una signora che ai microfoni di Quarta Repubblica taglia corto: “Andassero in chiesa a confessarsi di domenica, invece che spendere soldi”.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali