FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Carabiniere ucciso a Roma, bufera sul post di unʼinsegnante: "Uno di meno"

Scatta il procedimento disciplinare contro la prof. La denuncia di due parlamentari leghisti. Salvini: "Parole vomitevoli". Le scuse: "Ho commesso un errore gravissimo"

E' bufera sul post di un'insegnante di Novara che, dopo l'uccisione del carabiniere a Roma, ha scritto su Facebook: "Uno di meno". L'autrice del post, Elena Frontini, si è poi scusata pubblicamente, ma la frase sulla tragica scomparsa di Mario Cerciello Rega ha suscitato pesanti polemiche. L'Ufficio scolastico regionale del Piemonte avvia un procedimento disciplinare contro la prof.

Il testo shock: "Non ne sentiremo la mancanza" - "Uno di meno, e chiaramente con sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza": questo il testo del post, poco dopo rimosso dal profilo dell'insegnante novarese che, dopo centinaia di commenti indignati, ha detto: "Ho commesso un errore gravissimo, me ne sono resa conto appena ho cliccato su invia, ma ormai il danno era fatto". A denunciare il posto sono stati due parlamentari della Lega, Paolo Tiramani e Cristina Patelli, parlando di "un commento vergognoso. Una frase semplicemente folle".

Bussetti: "Comportamento intollerabile", via a un procedimento discilplinare - Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha subito annunciato "le verifiche necessarie" precisando che il fatto è "gravissimo. Insultare un servitore dello Stato, caduto compiendo il proprio dovere, infierire sulla disperazione dei suoi cari e, allo stesso tempo, offendere l'intera Arma dei carabinieri, non sono azioni compatibile con la condotta di chi è chiamato a educare e istruire i nostri figli. Un comportamento che non avrebbe niente a che vedere con lo spirito, l'abnegazione e la professionalità della nostra classe docente. Il rispetto delle nostre forze dell'ordine è fondamentale". E, secondo quanto si apprende da fonti del ministero, l'Ufficio scolastico regionale del Piemonte, dopo gli accertamenti, sta già disponendo l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti della docente. 

Salvini: "Commento vomitevole" - Immediata è stata la reazione di Matteo Salvini, che su Facebook ha scritto: "Un commento vergognoso, vomitevole, ancora più grave perché viene da un'insegnante. Che in un primo momento ha negato, poi, di fronte all'evidenza, si è scusata. Ma come si possono anche solo concepire certe parole? Spero che ai suoi studenti non proponga queste belle lezioni".

Gelmini: "Cacciare quell'insegnante" - E la presidente di Forza Italia Mariastella Gelmini: "Le scuse non bastano: le parole ignobili di quell'insegnante, che si è permessa di insultare il carabiniere assassinato, devono essere immediatamente sanzionato con la massima severità. Quell'insegnante va cacciata".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali