FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cara Castelnuovo, Mouna non sa dove andare: il sindaco la ospita a casa sua

Dopo lo sgombero dal centro di accoglienza in molti hanno perso la loro unica dimora e rischiano di finire la strada, tra loro anche questa mamma 24enne. Il primo cittadino: "Una sconfitta per la comunità"

Mouna ha 24 anni, due figli lasciati a Mogadiscio, vuole studiare e fare la mediatrice culturale ed era uno dei 535 ospiti del Cara di Castelnuovo. Da oggi non ha una dimora, la sua "casa" le è stata strappata in meno di 24 ore. Di lei si prenderà cura, almeno per qualche giorno, il sindaco Riccardo Travaglini: "Per qualche tempo può stare a casa nostra". Il primo cittadino in queste ore è in prima linea contro lo sgombero del centro di accoglienza del suo paese: 450 militari dell'esercito piombati in una comunità di poco più di 8mila persone. Senza preavviso. "Non ci ha avvertito nessuno - dice - è una sconfitta per tutta la comunità"

Una comunità che è scesa in piazza, in una grande manifestazione di solidarietà ai migranti dopo il trasferimento forzato dei primi 30. Nel corteo anche il sindaco: "Siamo stati fino ad oggi veramente un modello virtuoso, nonostante il Cara non sia un modello virtuoso. Siamo noi per primi ad essere d'accordo che il centro vada superato e per questo avevamo fatto domanda per fare un Sprar ma non ci è stato concesso fino ad oggi. Però non accettiamo questi diktat e il fatto che da un giorno all'altro l'esperienza finisca. Non perde Castelnuovo di Porto, perde tutta la comunità".

Quindi un appello: "Noi saremo lì fino all'ultimo nella speranza che il governo ripensi a questa scelta e permetta a Castelnuovo di formulare un nuovo tipo di accoglienza anche diffusa, dove non si perdano competenze acquisite". Ma intanto la situazione è questa: per effetto del decreto sicurezza Mouna e altri come lei, pur avendo la protezione umanitaria e quindi il diritto a non essere trasferita in un'altra struttura, ha perso il diritto alla "seconda" accoglienza. Tradotto: una casa deve trovarsela lei, quindi andrà in strada perché una casa non ce l'ha. In tanti si sono diretti verso Roma e la stazione Termini, per lei c'è ancora qualche giorno di tregua.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali