Coronavirus a Napoli, tra vicoli deserti e mascherine "portafortuna"