FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, licenziato per procurato allarme: “Ho segnalato che mia moglie poteva essere un soggetto a rischio"

In collegamento da Caserta, a “Pomeriggio Cinque", la testimonianza di Gianluca cacciato dallʼazienda dopo una settimana di malattia

Licenziato per procurato allarme e insubordinazione nel pieno della pandemia. E' la storia di Gianluca che in collegamento da Caserta a "Pomeriggio Cinque" racconta di essere stato cacciato dalla sua azienda dopo 25 anni di lavoro. "Ho solo comunicato che mia moglie poteva essere un soggetto a rischio", spiega il 50enne che dopo la segnalazione ha concordato con l'azienda una settimana di stop lavorativo, tra ferie e malattia, per attendere i risultati dell'indagine epidemiologica che hanno visto coinvolta la moglie, infermiera in un carcere dove sono stati riscontrati tre casi di coronavirus.

 

Dopo la settimana lontano dall'azienda Gianluca è tornato a lavoro. La moglie è risultata non a rischio contagio ma l'azienda a quel punto, secondo quanto riferito dall'operaio, ha deciso di licenziare il 50enne che a Canale 5 dichiara: "Io ho solo eseguito quelli che sono i protocolli di sicurezza". 

 

L'inviato del programma di Barbara d'Urso ha provato a parlare con l'azienda presentandosi sul posto a Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta, ma all'ingresso della struttura il custode gli ha negato l'accesso e ha chiesto di inviare un'email per fissare un appuntamento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali