FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caivano, Caputo accusa la sua ex compagna Marianna Fabozzi: "Ha ucciso lei Fortuna"

Lʼuomo, accusato di omicidio volontario, ha ammesso di aver abusato dell’amica del cuore della piccola e prima figlia dellʼex convivente

"Quella mattina Marianna Fabozzi ha afferrato Fortuna per i piedi, graffiandola. L'ha sollevata e mentre la bambina cercava di liberarsi l’ha gettata via come un pezzo di carta sporca". E' quanto ha dichiarato al pm Raimondo Caputo, detto Titò, il presunto assassino della bimba morta nel 2014 a Caivano (Napoli). L'uomo ha accusato così la sua ex compagna del delitto, ammettendo inoltre di aver abusato della prima figlia della donna e amica del cuore di Fortuna.

Come riporta Il Mattino, Caputo ha affidato la sua "confessione" in via informale al procuratore aggiunto Domenico Airoma, dopo il rinvio dell'udienza del delitto di Caivano per sciopero della Camera penale di Napoli. Proseguendo il racconto su quella tragica mattina, Titò ha detto: "A Marianna è rimasta la scarpetta in mano, che ha lanciato via in direzione del ballatoio di una vicina, Rachele Di Domenico che, come avete accertato dalle intercettazioni, ha fatto sparire il sandaletto per non avere guai. Li sopra c'erano le impronte di Marianna".

"Ha ucciso Fortuna e Antonio" - Secondo Caputo, la Fabozzi "ha ucciso nel 2013 il suo figlio più piccolo Antonio Giglio, anche lui caduto nel vuoto, perché secondo lei impediva la nostra convivenza. E allo stesso modo ha fatto con Fortuna perché odiava sua madre Mimma Guardato e voleva farle un dispetto. Non ho detto niente sulla morte del bambino per paura che lei mi denunciasse per le cose che facevo con la figlia più grande. Ma ora mi accusate di essere l'assassino di Fortuna. E non è vero".

Gli abusi sull'amichetta di Fortuna - Al pm, Titò rivela anche gli abusi sessuali, sempre negati nei tre anni precedenti. "Qualche volta ho toccato l'amica del cuore di Fortuna. Lo facevo e lo sapevano in casa, sia Marianna, la madre della bimba, sia la nonna Angela Angelino (denunciata per falsa testimonianza, ndr)".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali