FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bimbo ucciso, il patrigno ammette: "Lʼho colpito con calci, pugni e una scopa" | Convalidato il fermo

Un buco di due ore tra lʼaggressione al piccolo Giuseppe e alla sorellina e lʼarrivo dei soccorsi. Forse il bimbo poteva essere salvato

"Li ho colpiti con calci, pugni e con una scopa". Ammette le sue responsabilità Tony Sessoubti Badre, l'uomo in carcere a Poggioreale per l'omicidio del figlio figlio di 7 anni della compagna a Cardito (Napoli), e il tentato omicidio della sorella del piccolo. Il bimbo forse si sarebbe potuto salvare. C'è infatti un "buco" di due ore, tra la telefonata alla madre dell'uomo e quella ai soccorsi. Intanto il gip ha convalidato il fermo nei confronti dell'uomo.

A seguito dell'udienza di convalida, il giudice ha emesso nei confronti del 24enne l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio volontario aggravato da futili motivi e lesioni aggravate.

"Li ho picchiati, ma li amavo" - "Volevo bene ai ragazzi come fossero miei - ha dichiarato al gip del tribunale il 24enne -, ma quando hanno distrutto la cameretta, in particolare la sponda del letto acquistata con tanti sacrifici, ho perso la testa". Poi, il racconto agghiacciante della terribile aggressione: "Ho colpito i bambini con calci e pugni e anche con il manico della scopa. Ho perslo la testa, sono distrutto". 

Sempre secondo quanto dichiarato ai magistrati, sembra che la mamma abbia cercato di fermare il compagno, ma senza riuscirci. Il patrigno dice di aver inizialmente "sottovalutato" la gravità delle ferite inferte al piccolo, forse perdendo quelle due-tre ore che forse furono fatali.

Il buco di due ore - Stando a quanto emerso, infatti, come riporta "Il Mattino", alle 10 di domenica mattina Sessoubti ha chiamato a casa della sorella e avrebbe parlato con la madre. Questa non si sarebbe allarmata inizialmente perché i litigi tra lui e la compagna erano frequenti. E solo verso le 12.30 la donna ha raggiunto l'abitazione dei due. E' stato solo allora che soccorsi e polizia sono stati allertati.

Le responsabilità della madre - Proprio il particolare delle due ore di tempo intercorse tra il pestaggio e la chiamata ai soccorsi potrebbero, se venisse provata la presenza in casa della mamma dei bambini, far profilare delle responsabilità nell'accaduto anche per la stessa donna, Valentina Casa.

I bambini alla nonna: "Facci stare con te" - Ancora molti i lati oscuri della vicenda, a partire dal rapporto del 24enne con i tre figli della compagna. La piccola Noemi, la sorellina di Giuseppe, anche lei picchiata, ma ormai fuori pericolo, sostiene che Sessoubti li picchiasse regolarmente e che il litigio sfociato in tragedia fosse iniziato già dal sabato sera. Discordanti le testimonianze di vicini e conoscenti, tra chi oggi parla di lividi sui bambini e chi sostiene che la situazione fosse sostanzialmente regolare.

Quello che sembra certo però, come racconta il "Corriere della Sera", è che i bambini non volessero stare a Cardito, con il compagno della madre. La donna era andata via di casa a settembre per iniziare la convivenza con Sessoubti: i bambini avevano dovuto cambiare casa e scuola. Una scelta obbligata che non erano riusciti ad accettare: "Facci restare qui, vogliamo rimanere con te, non vogliamo cambiare casa", avrebbero infatti più volte ripetuto alla nonna.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali