FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Avellino, il prete fa cantare "Soldi" di Mahmood in chiesa: "Aiuta a riflettere"

Il parroco di Mercogliano ha introdotto lʼesibizione dei ragazzi dellʼOratorio Don Bosco sulla canzone vincitrice di Sanremo: "Lʼattaccamento al denaro rovina famiglie e relazioni, beati i poveri"

"Non è la prima volta che iniziamo a pregare con un canto non religioso come "Soldi" di Mahmood", esordisce domenica a messa don Vitaliano della Sala, parroco di Mercogliano (Avellino), introducendo il coro dei ragazzi dell'oratorio Don Bosco che si erano preparati sul testo della canzone vincitrice di Sanremo. "Polemica a parte, il testo offre tanti spunti di riflessione - continua il prete parlando ai fedeli presenti. - Si parla di attaccamento ai soldi che rovina famiglie e relazioni; è il tema del Vangelo di oggi: beati i poveri".

"Cantando 'Soldi' di Mahmood - continua don Vitaliano dal pulpito della chiesa di San Giovanni - vogliamo semplicemente riflettere e pregare come ogni domenica per la Chiesa, la nostra comunità, per gli immigrati che vivono in difficoltà e per gli italiani in povertà".

La premessa è chiara fin da subito: "Con questi sentimenti proviamo a cantare. Intorno a questo brano è scoppiata tanta polemica, ma la messa non si fa per polemica, la messa non si fa contro nessuno", sono le parole del parroco.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali