FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cagliari, negazionista entra in un negozio travestito da pecora e con la mascherina bucata: multa di 400 euro

Secondo quanto riportato da alcuni testimoni, entrava anche nei negozi urlando "sono positivo"

Da video

Un operaio di 35 anni, dichiaratamente negazionista, è entrato in un supermercato travestito da pecora con la mascherina bucata per sbeffeggiare chi rispetta le regole anti-Covid. E' accaduto a Sarroch, nel Cagliaritano e il tutto è immortalato in video e foto che girano sui social, girati dallo stesso 35enne. I carabinieri lo hanno identificato e sanzionato per il mancato rispetto delle norme anti-contagio. Dovrà pagare una multa di 400 euro. 

Secondo quanto riporta il sito locale youtg.net, stando ad alcune testimonianze, il giovane è anche entrato in diversi esercizi commerciali, travestito da pecora o anche da Spiderman, al grido di "Sono positivo".

 

In particolare, indossando il costume dell'animale ha voluto ironizzare sulle persone che rispettano le regole, che secondo lui sono, appunto, "pecore". Nel video, infatti, il 35enne dice: "L'avete mai vista un pecora che fa la spesa? E' pieno" per poi imitare il verso dell'animale, far finta di starnutire e pulirsi il naso con un rotolo di carta igienica appeso sul collo.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali