FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bufale online, è unʼazienda guidata da un italiano la "fabbrica delle bugie"

Si chiama Edinet, ha sede in Bulgaria e manovra le pagine web che producono news inventate, rivela un blog di "debunker". Ma lʼazienda prende le distanze con una comunicazione di "servizio sospeso"

Bufale online, è un'azienda guidata da un italiano la "fabbrica delle bugie"

Inventa bufale a tempo di record, genera traffico pubblicitario in pochissime ore e dà vita a post che diventano regolarmente virali. E' un sito che fa capo a un 48enne di Albenga (Savona), proprietario di un'azienda con sede a Sofia, la Edinet Ltd. Liberogiornale.com è la fabbrica di panzane che sta dietro questo business. A far luce sul fenomeno Paolo Attivissimo e David Puente, che sul loro blog pubblicano i risultati della loro inchiesta sul campo.

I due blogger, tra i più noti "debunker" italiani, partono dalla bufala di pochi giorni fa, con il Gentiloni choc che diceva "Gli italiani imparino a fare sacrifici e la smettano di lamentarsi" inventato di sana pianta da Liberogiornale.com, che non c'entra né con "Libero" né con il "Giornale". Una dichiarazione diventata rapidamente virale in Italia, con condivisioni e commenti.

Il solito sito d'informazione amatoriale, o di satira, o di polemica? Macché. Attivissimo e Puente assicurano che si tratta di una vera e propria "fabbrica professionale di panzane". Un'iniziativa nata online per fare soldi, che pubblica intenzionalmente le sue bufale, "creando panico infondato" e magari anche "danneggiando qualcuno". Ma, continuano, "fa niente, tanto i soldi della pubblicità non puzzano e anzi lavano la coscienza".

Edinet si dissocia con una comunicazione di "servizio sospeso" - Dopo le notizie filtrate attraverso il blog di Attivissimo però il link di Liberogiornale viene disattivato e al suo posto compare una pagina con la scritta "Servizio sospeso" in cui Edinet prende le distanze dai contenuti. Ecco il testo della pagina: "Edinet Ltd in seguito a quanto appreso dai mezzi di comunicazione sospende l'erogazione del servizio gestito su nostri server in via cautelare. Edinet Ltd è estranea ai contenuti pubblicati da terzi ospitati sui nostri server".

I siti-bufala - Dietro Edinet, secondo quanto rivela il blog, ci sono una miriade di siti che partoriscono bufale quotidiane: si chiamano "Ilfattoquotidaino.com" oppure "News24tg.com" o ancora "Gazzettadellasera.com", tutti rimasti online. Solo liberogiornale è stato oscurato con la pubblicazione della comunicazione di "servizio sospeso". E chi ci capita per caso crede alla bufala, ingannato dalla testata autorevole, e condivide, moltiplicando gli accessi.

I nomi dei titolari, che si possono rintracciare tramite Domaintools, sono apparentemente distinti e affidabili. Ma in realtà tutti questi siti fanno capo a un'unica società, Edinet appunto, che nel suo "Chi siamo", si presenta come un "gruppo editoriale" con uffici "in Francia, Germania, Slovenia e soprattutto Italia. I componenti e collaboratori di Edinet sono al 90% italiani ed è proprio in Italia che sono puntate tutte le nostre risorse". Così funziona la "fabbrica della bufala". Al servizio delle bugie.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali