FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Budelli, turista pentito restituisce sabbia rosa rubata 30 anni fa

Un uomo ha contattato il Parco Nazionale dellʼArcipelago di La Maddalena per restituire la famosa sabbia rosa raccolta e portata a casa come souvenir 30 prima. Ma non è lʼunico pentito...

Sono serviti 30 lunghi anni per poter restituire alla spiaggia di Budelli, in Sardegna, parte della sua famosa sabbia rosa. Un turista, che ne aveva raccolto un vasetto come souvenir, ha contattato il Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena pentito di ciò che aveva fatto ormai tanto tempo fa. "Lo abbiamo accompagnato a Budelli e la sabbia è potuta tornare al suo luogo di origine", si legge in un post sulla pagina Facebook del Parco Nazionale.

Non è mai troppo tardi - Ma non è stato l'unico. Complice anche una maggiore sensibilità nei confronti della tutela ambientale, un altro turista, il giorno precedente, aveva contattato il Parco Nazionale per spedire un pacco di sabbia rosa. In questo caso sono trascorsi addirittura 50 anni.

 

 

Il post del Parco Nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena - "Provvederemo presto a restituire anche questi preziosi granelli di sabbia alla spiaggia rosa. Ringraziamo entrambi i signori per essersi pentiti e aver compreso che la sabbia non è un souvenir per abbellire le nostre case e aver voluto rimediare al gesto commesso", si legge ancora nel post.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali