FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bologna, il tribunale dà ragione a due richiedenti asilo: sì allʼiscrizione anagrafica | Salvini: "Sentenza vergognosa, faremo ricorso"

Il ministro dellʼInterno: "Se qualche giudice vuole fare politica e cambiare le leggi per aiutare gli immigrati, lasci il Tribunale e si candidi con la sinistra"

Bologna, il tribunale dà ragione a due richiedenti asilo: sì all'iscrizione anagrafica | Salvini: "Sentenza vergognosa, faremo ricorso"

Il tribunale di Bologna ha ordinato al Comune di iscrivere all'anagrafe due richiedenti asilo la cui richiesta era stata rigettata dall'ufficio in base al decreto Salvini. Una decisione per la quale il sindaco del capoluogo emiliano, Virginio Merola, esprime "soddisfazione", mentre il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, parla di "sentenza vergognosa" e annuncia un ricorso da parte del Viminale.

A dare notizia della decisione del tribunale è stato lo stesso Merola, che sul suo profilo Facebook ha scritto che "il giudice di Bologna ha dato ragione a due richiedenti asilo che si erano visti negare l'iscrizione anagrafica dai nostri uffici sulla base del 'decreto Salvini' e ha ordinato al Comune di iscriverli. Saluto questa sentenza con soddisfazione, il Comune la applicherà senza opporsi".

A giudizio di Merola, si legge nel post, "smentire la destra significa batterla usando la legge e la legalità democratica. Quando ho ridato l'acqua agli occupanti ho agito come autorità sanitaria e non come delegato del governo, che è invece il caso dell'Anagrafe. Il ministro Salvini fa propaganda ma i fatti lo smentiscono, è ingiusto negare la residenza ai richiedenti asilo".

Il leader della Lega, però, non ci sta, e durante un comizio a Reggio Emilia parla ancora di "sentenza vergognosa", sottolineando che "se qualche giudice vuole fare politica e cambiare le leggi per aiutare gli immigrati, lasci il Tribunale e si candidi con la sinistra". Il ministro annuncia quindi che "ovviamente faremo ricorso contro questa sentenza, intanto invito tutti i sindaci a rispettare (come ovvio) la legge". Il vicepremier si augura quindi che si torni ad affrontare in Parlamento il tema della riforma della Giustizia, che "dovrà prevedere che anche i giudici come tutti gli altri lavoratori se sbagliano pagano. Perché in Italia a non pagare eventuali errori ci sono solo i giudici e Fabio Fazio".

Dichiarazioni, quelle di Salvini, che hanno provocato la reazione dell'Associazione nazionale magistrati: in una nota la Giunta esecutiva centrale sottolinea che "i magistrati assumono le loro decisioni applicando le leggi" ed "è legittimo commentare e anche criticare le decisioni giudiziarie". Le parole di Salvini, invece, "delegittimano la magistratura in quanto, in maniera del tutto infondata, alludono al fatto che le sentenze possano essere influenzate da valutazioni politiche".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali