FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bari, pestato in chiesa dal parroco per unʼeredità

A "Pomeriggio Cinque" lʼincredibile storia di Vito, aggredito dal prete e dal fratello dell’ecclesiastico

Da una parte una famiglia: mamma e undici figli, dall’altra il parroco del paese. Questi gli ingredienti fondamentali per una storia ai limiti dell’assurdo che arriva da Gravina in Puglia, cittadina di 40mila abitanti in provincia di Bari. Secondo quanto racconta Vito, uno degli undici fratelli Lacarpia, Don Saverio lo avrebbe aggredito perché lui stesso era andato a chiedere spiegazioni: “Il prete ha convinto mia madre a lasciare l’eredità sua e del mio defunto padre -un milione di euro- solo a uno di noi”.

Antonia conferma la versione di Vito: “Era il 2005, eravamo io, mio marito e mia figlia. Ci ha chiuso a chiave in uno sgabuzzino e ci ha costretto a firmare questo foglio”. Vito, il 15 dicembre, per l’ennesima volta, si è precipitato a chiedere a Don Saverio di strappare quelle maledette carte. In tutta risposta, però, il prete e il fratello lo hanno aggredito, procurandogli anche un occhio nero: “Appena mi ha visto mi ha schiaffeggiato e suo fratello mi ha bloccato a terra. Facevo fatica a respirare e mi sono risvegliato in ospedale”.

Ora la famiglia si chiede che interessi avesse il sacerdote, che raggiunto dai microfoni di “Pomeriggio Cinque” racconta la sua versione: “C’è un video, in cui non mi si vede mai. È tutto inventato, anche l’occhio se l’è truccato: è evidente. Io non ho toccato un centesimo. Ho fatto solo da paciere”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali