FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alcol, cannabis, gioco dʼazzardo: boom delle "nuove" dipendenze dei minorenni

Si inizia a bere alcolici a 11 anni; a fumare sigarette e spinelli intorno ai 15, mentre al mondo delle scommesse ci si affaccia già a 7 anni: sono i dati raccolti dallʼIstituto Bambino Gesù di Roma

Se un tempo la paghetta di mamma e papà veniva investita in fumetti, caramelle o figurine, oggi viene usata per pagarsi da bere, da fumare o da giocare. Questione di moda, anche. E' quanto emerge dai dati del 2017 sulle dipendenze giovanili raccolti dall' Istituto Bambino Gesù di Roma per la Salute del Bambino e dell'Adolescente e pubblicata da Il Messaggero: si inizia a bere alcolici già a 11 anni; a fumare sigarette intorno ai 15, e dalla stessa età, molti, fanno uso di cannabis. Sono ancora più giovani, alcuni perfino 7 anni, quelli che si accostano al gioco d' azzardo.

Consumo di alcolici. Il 20,4% di ragazzi fino a 24 anni consuma frequentemente alcolici, ma birra, vino e cocktail ad alta gradazione piacciono anche ai giovanissimi. Tra gli 11 e i 15 anni i minori si avvicinano all'alcol provandolo in casa: un modo per raggirare i divieti e non spendere soldi.  Ma, speigano gli esperti, l' alcol prima dei 16 anni è molto dannoso. "Solo a partire da questa età l' organismo sarà in grado di metabolizzarlo in modo corretto".

Il fumo. Il 16,2% dei ragazzi fino a 24 anni fuma; mentre il 19% dei giovani tra 15 e 34 anni ha fatto uso di cannabis negli ultimi dodici mesi. Questione anche di moda. I dati 2017 dell' Osservatorio delle Droghe e Tossicodipendenze registrano la cannabis come la sostanza stupefacente più consumata al mondo. Solo in Europa a utilizzarla sono 87,7 milioni. E sono 17 milioni i ragazzi di età compresa tra 15 e 34 anni che dichiarano di averne fatto uso almeno una volta nell'ultimo anno. Le ragioni per le quali i teenager bevono o fumano, a parte l'emulazione, sono da ricercare in ansie e paure. Gli alcolici sono "facilitatori". Sul breve periodo infatti fanno sentire più forti e disinibiti nell'approccio con gli altri, ma va da sé che l' assunzione reiterata di alcol e fumo però può portare a malessere psicofisico. La sigaretta, invece, viene spesso usata come mezzo per inserirsi nel gruppo e spesso come "iniziazione" al mondo degli adulti.

Il gioco d'azzardo. Il 49% dei ragazzi tra 14 e 19 anni ha giocato d' azzardo almeno una volta nel 2017; il 20% di quelli tra i 10 e i 17 anni frequenta le agenzie di scommesse, il 25% di quanti hanno tra 7 e 9 anni tenta la sorte con lotterie e gratta e vinci. Giochi che, avvertono i medici del Bambino Gesù - non vengono percepiti dai più piccoli, e non di rado pure dai genitori, come pericolosi, ma che possono portare "disinteresse verso attività scolastiche e ricreative, frequenti assenze ingiustificate, disturbi del sonno e furti in casa". Tra le nuove ossessioni i giochi online.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali