FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Al Sud ci sono più bambini e ragazzi, ma meno biblioteche e palestre scolastiche

Eʼ quanto emerge dal primo rapporto sulla povertà educativa minorile in Italia. Tra le regioni sopra i 3 milioni di abitanti, il Piemonte è la prima per presenza di biblioteche

Al Sud ci sono più bambini e ragazzi, ma meno biblioteche e palestre scolastiche

Nel Sud Italia ci sono più bambini e ragazzi ma meno asili nido, biblioteche, palestre nelle scuole e mezzi pubblici per gli studenti. Questi i risultati del primo Rapporto sulla povertà educativa minorile in Italia, promosso da "Con i Bambini" e riportato da Redattore Sociale.

Da 0 a 2 anni - I minori tra zero e due anni in Italia sono circa 1,5 milioni, ovvero il 2,5% dell’intera popolazione. E le percentuali più alte si registrano a Palermo (2,8%), Catania (2,76%), Napoli (2,65%), seguite dalle altre 3 città italiane più popolose: Milano (2,6%), Roma (2,58%) e Torino (2,5%).

Da 6 a 17 anni - I minori tra sei e 17 anni sono oltre 6,8 milioni, ovvero oltre l’11% dell’intera popolazione. Tra le città con più di 250 mila abitanti, le prime quattro posizioni per numero di ragazzi sono quattro centri del Sud: Napoli (circa il 13%), Catania e Palermo (12% circa) e Bari (10,8%).

Le zone maggiormente a rischio - Sebbene le situazioni siano differenti da zona azona, i ricercatori denunciano che "i comuni montani sono quelli tendenzialmente più svantaggiati".

I virtuosi - Per quanto riguarda biblioteche e palestre nelle scuole, a livello regionale sono le due regioni più piccole, Valle d’Aosta (3,7 biblioteche ogni mille ragazzi) e Molise (3,1), a mostrare il rapporto maggiore tra presenza di biblioteche e numero di minori sopra i 6 anni. Tra le regioni sopra i 3 milioni di abitanti, il Piemonte è la prima per presenza di biblioteche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali