FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola in Dad, nel Teramano gli studenti si alternano per stare in classe con la compagna down

Al liceo Saffo di Roseto degli Abruzzi, la 15enne, che dal 5 novembre segue le lezioni in aula in base alla normativa, non sarà più sola

didattica a distanza, dad, scuola
Web

La didattica a distanza, già sperimentata nel secondo quadrimestre dello scorso anno scolastico, le aveva annullato tutti i progressi conquistati in classe e le aveva portato apatia e depressione. A poco erano serviti gli educatori direttamente a casa a supportarla durante le lezioni davanti allo schermo del pc. Così quando alle superiori è ripartita la Dad, una studentessa 15enne del liceo Saffo di Roseto degli Abruzzi (Teramo), affetta da sindrome di down, è ripiombata in un incubo che con la famiglia pensava di essersi messa alle spalle. Ma con l'aiuto degli insegnanti e del dirigente, l'allieva è sì potuta tornare a seguire le lezioni in aula, come la normativa prevede, non da sola, però. A turno, infatti, cinque compagni si sono offerti di stare in classe con lei, come racconta Il Messaggero.

"La volta scorsa, la dad per mia figlia era stata distruttiva - ha riferito la mamma della 15enne a Il Messaggero. - Si era chiusa in stessa, non parlava più, annullati tutti i progressi che aveva fatto in tanti anni, rischiava la depressione, così ho dovuto organizzare a casa una didattica in presenza con assistente educativo ed educatrice privata che l'aiutavano a svolgere il lavoro".

Il rientro in classe a settembre è durato poco: dopo un mese di nuovo dad. "Mi sono opposta fin dal primo giorno, - ha continuato la madre, che, come scrive il quotidiano, con l' aiuto della docente del Coordinamento italiano insegnanti di sostegno, si è studiata norme, cavilli, disposizione del Ministero dell'Istruzione sugli alunni disabili e il loro diritto allo studio e all'inclusione.

 

"Il dirigente scolastico ha cercato sempre di venirmi incontro", sottolinea la mamma, così la figlia è tornata in classe come previsto per gli studenti disabili. "Ma era sola con i professori curriculari, gli insegnanti di sostegno e i compagni collegati tramite la lavagna interattiva multimediale. Per Anna già questo era molto, ma non bastava. Questa non è vera inclusione", ha denunciato la madre. 

 

Così cinque compagni si sono offerti a turno di tornare a scuola e seguire in classe le lezioni per non lasciare da sola la loro compagna. Da lunedì.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali