FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Crollo palazzina a Savona, parroco non benedice la vittima marocchina

Ai funerali ad Arnasco, don Angelo Chizzolini ha pregato solo per il marito della donna, anche lui vittima dellʼincidente avvenuto sabato. Il vescovo: "A me ha detto di averlo fatto anche per lei"

Crollo palazzina a Savona, parroco non benedice la vittima marocchina

Nessuna benedizione per Aicha Bellamoudden, 56enne marocchina, una delle cinque vittime del crollo di una palazzina ad Arnasco, nell'entroterra di Albenga (Savona). Nel corso dei funerali della donna e del marito, anche lui vittima dell'incidente di sabato, il parroco don Angelo Chizzolini ha pregato e benedetto solo la salma dell'uomo e non della donna, perché ufficialmente islamica, nonostante secondo i conoscenti in fase di conversione.

Come racconta il quotidiano "La Stampa", non è la prima volta che don Angelo Chizzolini è assurto agli onori della cronaca per prese di posizioni molto forti e controverse. Parroco anche nei comuni di Vendone e Onzo, la scorsa estate aveva fatto scalpore dichiarando di essere disposto a bruciare la canonica piuttosto che accogliervi migranti.

Il Vescovo: "A me ha detto di averlo fatto" - Il vescovo coadiutore della diocesi di Albenga, mons. Guglielmo Borghetti, ha spiegato che don Chizzolini gli ha detto di aver fatto tutto quello che doveva fare. "Mi ha chiamato raccontandomi che si stava dicendo che non aveva ricordato Aicha e non aveva benedetto la salma. Ha detto che non era così. Io non sapevo nulla, sento dire il contrario. Se in una piccola chiesa si è avuta questa percezione... Se è vero è mancanza di buon senso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali