FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Zelensky: "Colpiremo i russi che sparano alla o dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia" | "Partite 16 navi con 500mila tonnellate di prodotti agricoli"

A Ravenna è arrivata l'imbarcazione con il mais ucraino. Dall'inizio dell'attuazione dell'accordo di Istanbul, sono già partite 16 imbarcazioni con 500mila tonnellate di prodotti agricoli

Ravenna, arrivata la prima nave carica di mais proveniente dall'Ucraina

La guerra in Ucraina è giunta al 172esimo giorno.

Il presidente Zelensky annuncia che i militari ucraini colpiranno i russi che sparano alla e dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d'Europa. A Ravenna intanto è arrivata la prima nave carica del mais ucraino e il presidente

ucraino

sottolinea che, dall'inizio dell'attuazione dell'accordo di Istanbul, sono già partite 16 imbarcazioni con 500mila tonnellate di prodotti agricoli. Papa Francesco, alla fine dell'Angelus, ha chiesto "pietà e misericordia per il martoriato popolo ucriano". Continua lo scambio di accuse tra Ucraina e Russia per gli attacchi a Zaporizhzhia. Mosca: "L'Aiea dovrebbe visitare la centrale nucleare a fine agosto".
  • 14 ago

    Zelensky ai cittadini russi: se restate in silenzio siete complici

    "Quando il male raggiunge un simile livello, il silenzio delle persone si avvicina alla complicità. Pertanto, se hai la cittadinanza russa e resti in silenzio, significa che sostieni" la guerra di Mosca. "E non importa dove ti trovi: che sia in Russia o all'estero, la tua voce dovrebbe suonare a sostegno dell'Ucraina". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto videomessaggio serale postato su Telegram.

  • 14 ago

    Zelensky: "Colpiremo i russi che sparano alla o dalla centrale di Zaporizhzhia"

    Il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha affermato che le sue forze prenderanno di mira i soldati russi che sparano a o da Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d'Europa. Zelensky ha anche avvertito che il Cremlino potrebbe accusare falsamente Kiev di attaccare il sito. "Ogni soldato russo che spara all'impianto o spara usando l'impianto come copertura, deve capire che diventa un obiettivo speciale per i nostri agenti dei servizi segreti, per i nostri servizi speciali, per il nostro esercito", ha sottolineato il leader ucraino.

  • 14 ago

    Kiev: "Evacuare parti occupate dai russi nella regione di Kherson"

    La vice premier ucraina, Iryna Vereshchuk, ha sollecitato l'evacuazione dei connazionali rimasti nei territori della regione di Kherson occupati dalle forze russe, sottolineando che "sta arrivando un inverno difficile". Lo rende noto il giornale The Kyiv Independent. Secondo l'amministrazione regionale, dal 24 febbraio - data dell'inizio dell'invasione russa - circa il 50 per cento dei residenti nella regione è fuggito. È prevista l'evacuazione di altre 20.000 persone. Quando questo mese l'Ucraina ha iniziato l'evacuazione obbligatoria dalla regione di Donetsk, Vereshchuk ha affermato che una misura simile potrebbe essere introdotta in altre regioni interessate da continui combattimenti.

  • 14 ago

    Ucraina, Zaporizhzhia di nuovo nel mirino - VIDEO

  • 14 ago

    Papa Francesco: "Chiediamo misericordia e pietà per il popolo ucraino "

    "La misericordia è la via della salvezza per noi e per il mondo intero. E chiediamo al Signore misericordia speciale, misericordia e pietà per il martoriato popolo ucraino". Così il Papa al termine dell'Angelus. "Un pensiero speciale - ha detto Francesco - va ai numerosi pellegrini che oggi si sono radunati nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia, dove vent'anni fa San Giovanni Paolo II fece l'atto di affidamento del mondo alla Divina Misericordia. Più che mai vediamo oggi il senso di quel gesto che vogliamo rinnovare nella preghiera e nella testimonianza della vita", ha aggiunto il Pontefice.

  • 14 ago

    Kiev: continuano intensi i combattimenti nell'est

    Continuano intensi i combattimenti nell'est dell'Ucraina fra le forze di Kiev e quelle russe, ma non si registrano sostanziali modifiche alla linea del fronte. E' quanto emerge dal bollettino odierno dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, citato dall'agenzia Unian. Gli scontri, accompagnati da bombardamenti di artiglieria e razzi, investono in particolare il territorio del Donbass. Nella regione di Kramatorsk i russi hanno anche effettuato attacchi aerei vicino alla località di Spirny e i combattimenti continuano nell'area di Ivano-Daryivka.

  • 14 ago

    Kiev: rischio violazione della sicurezza alla centrale di Zaporizhzhia

    La centrale nucleare di Zaporizhzhia opera con il rischio di violazione delle norme di sicurezza antincendio e antiradiazioni: lo ha ribadito su Telegram l'agenzia atomica ucraina Energoatom, secondo quanto riporta Unian. "Dalle 8:00 del 14 agosto, la centrale nucleare di Zaporizhzhia opera con il rischio di violare gli standard di sicurezza contro le radiazioni e gli incendi", si legge nel rapporto. "Permangono rischi di fuoriuscita di idrogeno e dispersione di sostanze radioattive e anche il rischio di incendio è elevato - prosegue -. Inoltre, tre sensori di monitoraggio delle radiazioni attorno al sito dell'impianto di stoccaggio sono stati danneggiati".

  • 14 ago

    Ancora bombe russe vicino a centrale Zaporizhzhia

    Le forze russe hanno attaccato di nuovo la notte scorsa con fuoco di artiglieria la cittadina ucraina di Marhanets, nella regione di Dnipropetrovsk (sud), che dista pochi chilometri dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia: lo ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Valentyn Reznichenko. Lo riporta Ukrinform. Reznichenko ha precisato che i russi hanno bombardato Marhanets con i sistemi missilistici a lancio multiplo Grad (MLRS): 30 proiettili hanno colpito appartamenti e un uomo di 69 anni è rimasto ferito. Inoltre, più di 10 case unifamiliari e una rete elettrica sono state seriamente danneggiate.

  • 14 ago

    Kiev: 43.550 soldati russi uccisi dall'inizio della guerra

    Circa 43.550 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione, secondo l'esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l'esercito ucraino indica che si registrano anche 233 caccia, 194 elicotteri e 784 droni abbattuti. Lo riporta Ukrinform. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.864 carri armati russi, 980 sistemi di artiglieria, 4.126 veicoli blindati per il trasporto delle truppe e 15 navi e 187 missili da crociera.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali