FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

In Italia rischio disastri più alto rispetto agli altri big europei

Secondo uno studio realizzato dallʼIstituto per lʼambiente e la sicurezza umana dellʼUniversità delle Nazioni Unite pesa, tra le altre cose, lʼinadeguatezza delle infrastrutture e della logistica

Il rischio che una calamità naturale come un terremoto o un'inondazione si trasformi in un vero e proprio disastro per la popolazione è più alto in Italia che negli altri grandi Paesi dell'Occidente. Lo rivela il World Risk Report 2016, stilato dagli esperti dell'Istituto per l'ambiente e la sicurezza umana dell'Università delle Nazioni Unite. Nel rapporto, oltre che la "predisposizione naturale" di un territorio, vengono presi in esame anche altri fattori, come le condizioni delle infrastrutture, la logistica e altri fattori socio-economici, utilizzati per calcolare anche il tipo di risposta che, almeno sulla carta, è possibile dare all'emergenza.

Italia 119esima nella classifica dei Paesi più a rischio - Il documento, redatto in collaborazione con l'Università di Stoccarda e con le associazioni umanitarie tedesche riunite nel Bundnis Entwicklung Hilft e presentato a Berlino, ha preso in esame la situazione di 171 Paesi del mondo.

Il Paese più rischioso è la Repubblica di Vanuatu - La Repubblica di Vanuatu nel Pacifico, Tonga e le Filippine si sono classificati nei primi tre posti con il rischio più alto in assoluto. L'Italia si trova al 119esimo posto, staccata dagli altri grandi dell'Occidente più "sicuri" come gli Stati Uniti (al 127esimo posto), la Gran Bretagna (131esima), la Germania (147esima) e la Francia (152esima).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali