FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Zoo in casa nel Milanese: 68 animali segregati tra escrementi e rifiuti

La proprietaria dellʼabitazione è ora indagata, con il suo compagno, per abbandono e maltrattamento di animali e detenzione in condizioni incompatibili al punto da causare gravi sofferenze

Zoo in casa nel Milanese: 68 animali segregati tra escrementi e rifiuti

Sessantotto animali: 38 gatti, 18 cani, 4 conigli, 2 capre, 4 pappagalli e 2 tartarughe d’acqua. Uno zoo? No, una casa. Gli animali, infatti, erano segregati nell’abitazione di una 51enne di Senago, nel Milanese. Escrementi e rifiuti ovunque, anche su mobili della cucina e nei lavandini del bagno: questo lo shockante scenario di fronte al quale si sono trovate le guardie zoofile il 7 ottobre scorso. La donna - forse affetta da sindrome di accumulo - al momento è ricoverata in ospedale ed è indagata, con il suo compagno, per abbandono e maltrattamento di animali e detenzione in condizioni incompatibili al punto da causare gravi sofferenze. Gli animali sono stati sequestrati dalla Procura di Milano.

La casa "zoo" - Un vero e proprio zoo abusivo, insomma. Uno zoo fatiscente: letti trasformati in mangiatoie, lettiere ricolme di deiezioni e urine, cibo avariato, rifiuti ovunque e odore nauseabondo. Come si legge nella relazione della polizia giudiziaria, gli animali si trovavano in una situazione di "pesantissimo degrado" e il letto a due piazze era diventato "la mangiatoia dei gatti che vivevano in promiscuità con i cani". Altri quattro felini erano, invece, rinchiusi in bagno, dove avevano uno "spazio di movimento particolarmente ridotto. I sanitari e tutti gli arredamenti presenti erano sudici e completamente ricoperti di escrementi". Non solo. In cucina c'erano "dieci cani e quattro pappagalli, nelle stesse condizioni psicofisiche degli altri animali". Alcuni animali, oltre a essere ovviamente "sporchi", erano anche "molto spaventati" per via del maltrattamento. Le due capre, invece, di notte venivano rinchiuse in un "box/cantina", mentre di giorno stavano in una gabbia.

Ad allertare la polizia giudiziaria è stata una vicina di casa, a cui la donna aveva chiesto di prendersi cura dei suoi piccoli amici mentre si trovava ricoverata in ospedale. Da qui, il pm di Milano Maria Letizia Mocciaro ha deciso di aprire un'inchiesta. Ora gli animali maltrattati sono stati messi al sicuro, in strutture idonee alla loro cura, in attesa di un nuovo padrone.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali