FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Veneto, la locandina per invitare i fedeli alla funzione: "Vieni a messa, non aspettare che ti portino gli altri"

A San Giorgio al Tagliamento, un paesino al confine tra Veneto e Friuli, davanti alla porta della chiesa è apparso un invito "anomalo"

Vieni a messa, non aspettare che ti portino gli altri”. Questa la locandina apparsa sulla porta della chiesa parrochiale di San Giorgio al Tagliamento, paesino al confine tra Veneto e Friuli. L'invito è accompagnato dall’immagine, inequivocabile, di una bara portata a spalla da 4 persone. La trovata del parroco per attirare maggiori fedeli alla funzione non è passata inosservata e e secondo alcui fedeli la provocazione avrebbe un impatto emotivo troppo forte. C'è chi dice che il manifesto affisso "allontana le persone dalla chiesa", chi invece ritiene che "una bara come foto per andare a messa non ha senso".

Di certo il sacerdote non pensava di suscitare tanto clamore e dalla canonica chiude la questione con poche parole: "L'immagine l’ho presa da internet. Se non vieni mai in chiesa non ha senso che vieni solo per il funerale". ​Un messaggio chiaro che sta facendo discutere l’intera comunità. Insomma, si potrebbe dire, risultato raggiunto. O almeno in parte. Ora bisognerà vedere se le polemiche si trasformeranno in parrocchiani più diligenti .

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali