FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Treviso, la denuncia dell'Ulss: "No vax in coda ai centri vaccinali per rallentare la somministrazione delle dosi"

"Fanno perdere minuti preziosi e poi prendono e se ne vanno, senza aver effettuato l'inoculazione, talvolta sbraitando, lamentandosi e ribadendo la loro contrarietà alla vaccinazione", spiega il dg Francesco Benazzi

vaccini vaccinazioni generica vaccino 
Ansa

Per rallentare la somministrazione delle dosi, entrano negli hub, fanno la fila, "tempestano" di domande e commenti il personale sanitario poi se ne vanno senza ricevere la dose. E' la nuova tattica dei no vax a Treviso. A segnalarlo è il direttore generale dell'Ulss 2 Francesco Benazzi, che a La Tribuna di Treviso dichiara: "Capita tutti i giorni. In tutti i nostri Vax Point abbiamo quotidianamente tre, quattro persone, che adottano questa tecnica".

"Arrivano e iniziano a sciorinare richieste al personale sanitario impiegato nella profilassi. Fanno perdere minuti preziosi e poi prendono e se ne vanno, senza aver effettuato l'inoculazione, talvolta sbraitando, lamentandosi e ribadendo la loro contrarietà alla vaccinazione", commenta riporta il direttore generale.

 

Come riporta il quotidiano, il fenomeno va avanti da tempo,e riguarda tutti i centri vaccinali della provincia.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali