FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cambierà sesso in Usa, la Ulss di Treviso pagherà 29mila euro per operazione e viaggi

Un uomo con disturbi dellʼidentità di genere chiedeva dal 2013 che la Regione si facesse carico delle spese

Cambierà sesso in Usa, la Ulss di Treviso pagherà 29mila euro per operazione e viaggi

L'Ulss di Treviso rimborserà l'intervento chirurgico per il cambio di sesso a un uomo con disturbi dell'identità di genere. Andrà a farsi operare in una clinica specializzata in California, e la Ulss ha acconsentito a pagare anche i voli di andata e ritorno per gli Usa, al paziente e a un accompagnatore. La spesa complessiva preventivata ammonta a circa 29mila euro.

La Ulss ha dichiarato la propria disponibilità a coprire economicamente l'intervento dopo un lungo contenzioso giudiziario. Nel 2013, l'uomo aveva chiesto l'autorizzazione a farsi operare nel Centro di altissima specializzazione Mills a San Mateo, California. La risposta era stata negativa, accompagnata da un invito a farsi operare in Italia. Aveva così avviato una causa assistito dall'avvocato Alessandra Gracis, a propria volta nata uomo e diventata donna nel 2012.

Nel 2015, il tribunale aveva dato ragione all'uomo, e nella sentenza aveva detto che la Ulss avrebbe dovuto sobbarcarsi l'80% delle spese. A un nuovo rifiuto dell'autorità sanitaria, era corrisposto l'avvio di una nuova causa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali