FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Al funerale di Roberto Baggio andrei con lo champagne", lʼanimalista denunciato torna allʼattacco

Querelato per diffamazione dal Divin Codino, Paolo Mocavero lo accusa ancora: "In Argentina ha una riserva per uccidere gli animali"

"Al funerale di Roberto Baggio andrei con lo champagne", l'animalista denunciato torna all'attacco

“L’unico cacciatore buono è quello morto. Se Roberto Baggio muore durante una battuta, vado al funerale con lo champagne in mano”. Parole di Paolo Mocavero, leader dell’associazione “100% animalisti”, che rincara la dose pochi giorni dopo essere stato denunciato per diffamazione dall’ex calciatore.

“Ho parlato di ‘viaggi della morte’ perché [Baggio] va spesso in Argentina, dove ha una riserva per uccidere gli animali”, ha detto Mocavero, intervistato su Radio 24. “Tutti i cacciatori sono assassini. Lui di più, perché ha un’immagine, dunque maggiori responsabilità”.

Roberto Baggio si è rivolto al tribunale, il 20 febbraio, dopo una contestazione del movimento animalista, che aveva esposto degli striscioni davanti alla sua villa di Caldogno (Vicenza), e dopo un post in rete di Mocavero che lo definiva “buddista col fucile” e "ignorante".

Mocavero, già dj, militante di estrema destra e candidato di Forza Nuova a Padova, ha anche annunciato che alle elezioni del 4 marzo voterà per il Movimento Cinque Stelle: “Gli unici che si salvano. Per esempio, Paolo Bernini ha salvato un cavallo, mi basta e avanza per giudicare una persona”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali