FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cogne, la villa della Franzoni all'asta con un'offerta minima a 626mila euro

Eʼ la casa dove il 30 gennaio 2002 Annamaria Franzoni uccise il figlio Samuele. La proprietà è in vendita per un contenzioso tra la famiglia Lorenzi e lʼavvocato Taormina

Andrà all'asta il 19 febbraio la villetta di Cogne dove, il 30 gennaio 2002, venne ucciso il piccolo Samuele dalla madre Annamaria Franzoni. L'offerta minima è di circa 626mila euro e il valore stimato di circa 835mila. La proprietà andrà all'asta nell'ambito di un contenzioso tra i coniugi Lorenzi e l'avvocato Carlo Taormina. 

La perizia - Nella perizia si legge che si tratta di una "villa di pregio isolata su quattro lati" e "bifamiliare": le due unità immobiliari "sono utilizzate dai proprietari quale seconda casa". Inoltre "il fabbricato, nel suo complesso, risulta in ottime condizioni generali". 

 

Delitto di Cogne, la villetta pignorata di Annamaria Franzoni va all'asta per 800mila euro

Il tribunale di Aosta ha disposto la vendita della villetta di Cogne, per la quale lo scorso settembre aveva respinto le richieste di Annamaria Franzoni e del marito Stefano Lorenzi di sospensione dell'esecuzione immobiliare. La base d'asta è di circa 800mila euro e la data per il tentativo di vendita non è ancora stata fissata. Il contenzioso con l'avvocato Carlo Taormina nasce da una sentenza civile passata in giudicato a Bologna. La Franzoni, condannata per l'omicidio del figlio Samuele, avvenuto nel gennaio 2002 proprio nella casa di Montroz, a Cogne, per cui ha scontato 16 anni, deve al suo ex legale oltre 275mila euro per il mancato pagamento degli onorari difensivi, divenuti circa 450mila nell'atto di pignoramento

La stima dei costi - La "stima dei costi di regolarizzazione" tiene conto, tra l'altro, della mancanza di "comunicazione di fine lavori", del "certificato di abitabilità" non richiesto, di una diversa suddivisione dei locali nel sottotetto e in un deposito interrato (entrambe sanabili) e di una scala in legno - tra il primo piano al sottotetto - da rimuovere (era prevista una botola).

 

La decisione dell'avvocato - In base a una sentenza civile passata in giudicato a Bologna, Anna Maria Franzoni, condannata per l'omicidio del figlio Samuele, avvenuto proprio nella casa di Montroz nel gennaio 2002, deve al suo ex legale oltre 275mila euro per il mancato pagamento degli onorari difensivi, divenuti circa 450mila nell'atto di pignoramento. E' stato il tribunale di Aosta, un mese fa, a disporre la vendita dell'immobile, dopo aver respinto, a settembre, le richieste di sospensione dell'esecuzione immobiliare da parte dei coniugi Lorenzi. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali