FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaccinato a 103 anni, nel mirino degli haters sui social: "Poteva lasciarlo ad altri, una dose sprecata"

Basilio Pompei è la persona più anziana coinvolta nella campagna vaccinale in Toscana. Deportato dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, per due anni venne imprigionato in un campo di concentramento in Polonia

Ha 103 anni ed è il più anziano in Toscana ad aver ricevuto il vaccino anti Covid: Basilio Pompei, deportato in un campo di concentramento durante la seconda guerra mondiale, è finito nel mirino dei leoni da tastiera: "Una dose sprecata", "A 103 anni doveva essere lui a rifiutarla", sono alcuni dei commenti che si possono leggere sui social. A lui, che ne ha viste e vissute tante, non fanno né caldo né freddo: "Se qualcuno scrive o commenta, io non ho proprio nulla da dire".

Nonno Basilio, come viene chiamato da tutti, dopo una vita in macelleria è ora ospite della Rsa San Biagio a Dicomano, nel Fiorentino.

 

Covid, l'Europa inizia a vaccinarsi: una 96enne è la prima in Spagna

 

"Facciamo morire i quarantenni e vacciniamo i centenari"; "Sempre negativo e gli fanno il vaccino"; "Le cavie servono…"; si legge ancora tra i commenti alla notizia della sua vaccinazione. Reazioni finite dai social ai giornali locali dopo l'intervento di Giampaolo Giannelli, vicecoordinatore di Forza Italia della provincia di Firenze, che ha voluto evidenziare la vicenda.

 

 

 "Basilio è stato fatto oggetto di vergognosi ed intollerabili attacchi da parte dei soliti odiatori della rete - dice a La Nazione -. Quello che gli haters non sanno è che c’è un protocollo ben preciso che riguarda l’ordine di effettuazione del vaccino. Per motivi forse non comprensibili da queste persone, ospiti ed operatori presenti nelle Rsa, essendo i soggetti più fragili devono ovviamente essere vaccinati per primi, tutti ed indistintamente. Ben oltre i commenti beceri ed indegni di essere letti in un paese civile, a meno che non si pensi che sia giusto far morire tutti coloro che superano una certa soglia di età"

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali