FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Uccise un rapinatore nel Milanese, archiviata inchiesta a carico dellʼorefice

Era stato indagato per eccesso colposo in legittima difesa

Il gip di Milano Donatella Banci Buonamici, come richiesto dal pm Grazia Colacicco, ha archiviato l'inchiesta a carico di Rodolfo Corazzo, il gioielliere che la sera del 24 novembre 2015 a Rodano nel Milanese uccise, sparando alcuni colpi di pistola, un rapinatore albanese entrato nella sua casa insieme a due complici. L'uomo, con regolare porto d'armi, era stato indagato come atto dovuto per eccesso colposo in legittima difesa.

Fu aggredito da tre banditi armati - Corazzo quella sera era appena tornato dal lavoro. Dopo aver parcheggiato la moto nel garage della sua villetta, venne assalito da tre banditi armati con il volto coperto da passamontagna. Fu picchiato e trascinato in casa dove c'erano moglie e figlia. I tre, dopo essersi fatti consegnare orologi, gioielli e soldi e il contenuto di una cassaforte, iniziarono a chiedere dove si trovasse l'altra cassaforte che il commerciante aveva negato di possedere. A quel punto minacciarono di uccidere tutta la famiglia. Minacce soprattutto rivolte alla figlioletta di undici anni che portarono anche all'ultimo piano della villa convinti che sapesse dove fosse quel che cercavano.

L'uomo reagì sparando tre colpi - Furono due ore di terrore al termine delle quali l'orefice reagì sparando un colpo in aria con la sua Glock (che i delinquenti durante una perquisizione "frettolosa" non gli avevano trovato addosso) per intimidire i malviventi, i quali risposero subito al fuoco con due pistole appena rubate. In tutto vennero sparati dieci colpi, sette dai banditi e tre dal gioielliere, di cui uno mortale. Nella sparatoria rimase ucciso Valentin Frrokaj, albanese di 37 anni, ergastolano e latitante, mentre gli altri due malviventi riuscirono a fuggire. L'orefice, come ha scritto il pm nella richiesta di archiviazione accolta dal giudice, si era trovato davanti ad un "pericolo concreto" e aveva reagito sparando per difendere la "propria incolumità" e quella "della moglie e della figlia".

Il legale: "Spero si risolvano così anche le altre vicende simili" - "Siamo soddisfatti dell'esito giudiziario della vicenda - ha spiegato l'avvocato Porciani - spero che Corazzo possa finalmente tornare a vivere una vita giuridicamente tranquilla". "Mi auguro che come lui potrà tornare a dedicarsi agli affetti della sua famiglia, così potranno fare tutti coloro che hanno vissuto vicende simili", ha aggiunto il legale.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali