FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trieste, funerali dei poliziotti uccisi in questura: in migliaia a rendere omaggio

Tra le autorità presenti, il ministro degli Interni Luciana Lamorgese e il questore Giuseppe Petronzi: “Esserci sempre: è questa lʼessenza della nostra attività”

Folla di autorità e di cittadini ai funerali di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i poliziotti uccisi a Trieste il 4 ottobre, celebrati nella chiesa di sant'Antonio Taumaturgo. Migliaia di persone hanno seguito la messa, celebrata dal vescovo Giampaolo Crepaldi, per poi salutare i feretri con un lungo applauso all’uscita della chiesa. Tra i presenti, il ministro degli Interni Luciana Lamorgese, il presidente della Camera Roberto Fico, il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa, il capo della Polizia Franco Gabrielli e le autorità locali, tra cui il governatore Massimiliano Fedriga, il questore Giuseppe Petronzi e il prefetto Valerio Valenti.

"Esserci sempre: è questa l'essenza della nostra attività. Il dolore è inevitabile. Arrendersi sarebbe per sempre". E' il saluto del Questore di Trieste, Giuseppe Petronzi, che sull'altare si è interrotto, colto da commozione nel ricordare le due vittime. "Nessuna parola può lenire il dolore per la perdita di Matteo e Pierluigi. La polizia si muove alla velocità della vita. Questa corsa è la variegata essenza della nostra attività. Talora ci si scontra con la realtà e la vita si ferma. Matteo e Pierluigi si erano già distinti per la loro capacità di arrivare prima, salvando la vita di un giovane che voleva lanciarsi nel vuoto. Questa è l'autentica essenza del nostro agire quotidiano". Ha poi concluso con la frase pronunciata da Matteo e Pierluigi in un video registrato durante una delle tanti notti di servizio: "Dormite sonni tranquilli, qui ci siamo noi".

Trieste, i funerali dei poliziotti uccisi in questura

"Siamo vicini alle famiglie e il pensiero va a questi ragazzi la cui vita è stata spezzata in maniera improvvisa e assurda", è il commento del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. Ha ammesso poi di essersi "molto commossa" alle parole di Petronzi: "Erano dette col cuore ed è quello che ognuno di noi pensava".

"Oggi sono qui in rappresentanza del Senato ma mi sento un cittadino italiano che si inginocchia di fronte a tanta sofferenza ed è grato, come credo lo siano tutti gli italiani, a coloro che danno anche la vita per la nostra sicurezza" ha dichiarato dopo la cerimonia il vicepresidente del Senato, Ignazio La Russa. "Le forze dell’ordine ci hanno forse abituato a questi sacrifici ma non dobbiamo abituarci".

 

Numerosi anche i cittadini qualsiasi presenti, "Erano due ragazzi come noi, per questo non ci abbiamo pensato più di tanto prima di venire qua", dicono Sara e Maura, due commesse che lavorano poco lontano. "Sono venuta perché la considero una tragedia umana - racconta Elisa - ormai Trieste non è più la città tranquilla di prima”. "Poteva esserci lui" racconta una ragazza con gli occhi pieni di lacrime, "io sono una studentessa e il mio fidanzato è un militare mi viene da piangere a pensarci". Mario invece fa l'artigiano: "i poliziotti li vedo perché girano per la città e quello che è accaduto va oltre a ogni pensiero. È veramente un dramma. Il rovescio della medaglia di questa terribile tragedia è vedere una città così unita nel dolore”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali