FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trento, bomba carta contro la sede della Lega: trovati i due responsabili

Lʼesplosione ad Ala, dove in vista delle provinciali è atteso Matteo Salvini che accusa: "Sono stati gli anarchici". Il governatore del Trentino auspica "la massima durezza". Eʼ il terzo episodio in tre mesi

Un boato nella notte e sono andati in frantumi alcuni vetri della sede della Lega ad Ala, nel Trentino meridionale, dove è atteso il leader del partito Matteo Salvini per la campagna elettorale delle provinciali. Sembra che a causare la deflagrazione sia stata una bomba carta. Identificati e denunciati i due responsabili, dice il governatore del Trentino Ugo Rossi, che chiede per loro "la massima durezza". Terzo caso in tre mesi, dopo Villorba (Treviso) e Cremona: è allarme.

Bomba carta contro la sede della Lega a Trento

Salvini: "Sono stati gli anarchici" - "Bomba carta nella notte contro una sede della Lega ad Ala, in provincia di Trento. Sono stati gli anarchici - ha detto il ministro dell'Interno -. Sono orgoglioso delle forze dell'ordine e dei nostri straordinari militanti che hanno già ripulito. Certi soggetti hanno capito che dopo decenni anche i trentini vogliono voltare pagina e reagiscono con la violenza, ma non fermeranno il nostro sorriso e il cambiamento. Oggi pomeriggio sarò in Trentino Alto Adige per abbracciare tutti".

L'attacco del governatore - "Ho sentito il commissariato del governo e la questura - dice il presidente della Regione -. Auspico durezza contro i responsabili. Non è possibile che ciclicamente qualcuno di certi ambienti faccia le solite cose. Sarebbe ora e tempo di agire con fermezza". E commenta: "Sono cose da deficienti patentati, lo voglio dire proprio così. Io sono un competitor della Lega (Rossi è del Partito autonomista trentino tirolese), ma esprimo ad Ala la mia solidarietà".

"Andiamo avanti serenamente con il nostro lavoro - commenta il sottosegretario leghista alla Salute e candidato del Carroccio alla guida della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti -, confermiamo tutti gli appuntamenti di oggi con il segretario federale Matteo Salvini. Fatti come questi non ci fanno piacere. Ma sicuramente non ci intimidiranno. Confidiamo nell'esito di queste indagini che stanno procedendo efficacemente. Mi sembra che gli inquirenti abbiano le idee molto chiare e questo ci dà fiducia. Noi siamo a disposizione delle autorità inquirenti".

Escalation di violenza: terzo caso in tre mesiNella notte del 16 agosto una prima bomba esplose contro la sede della Lega a Villorba (Treviso). L'ordigno non provocò danni alla struttura, né vi furono persone coinvolte. Un secondo ordigno era stato rinvenuto e fatto esplodere dagli artificieri della polizia. La rivendicazione fu firmata da una sedicente cellula anarchica "Haris Hatzimihelakis/Internazionale".

Nuovo attentato il 30 settembre a Cremona. Come raccontò il senatore Simone Bossi "anonimi vandali hanno lanciato una bottiglietta di liquido infiammabile contro la finestra della sezione, fortunatamente senza causare danni a persone o cose". "Non è la prima volta che la Lega di Cremona viene presa di mira e attaccata da vigliacchi - aveva aggiunto. - Questi atti sono inaccettabili e mi auguro che i responsabili vengano presto identificati e adeguatamente puniti. Ma non abbiamo paura e andiamo avanti".

Nella notte la terza esplosione di Ala. "Prima erano scritte spray, odiose ma innocue; poi proiettili e bossoli inviati per posta, inquietanti ma innocui; poi gli assalti a banchetti e gazebo, questi meno innocui, con militanti finiti anche al pronto soccorso". Così il senatore Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato, ha commentato l'ultimo episodio. "Adesso - ha aggiunto - siamo arrivati agli ordigni esplosivi. Tre in tre mesi. Parliamo di bombe, qualcuno se ne rende conto? Tre bombe in tre mesi. Fermiamo le bombe, prima che ci scappi il morto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali