FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Treni troppo cari per i pendolari, tutta colpa di un algoritmo sbagliato

Anche Trenitalia lo ha riconosciuto: extracosti fino al 33% in più negli ultimi dieci anni. Assoutenti chiede il riallineamento dei prezzi da aprile. Altrimenti si va in tribunale

Trentatré euro di troppo sulla Torino-Milano, 38 sulla Milano-Genova, 16 sulla Padova-Bologna. I pendolari che viaggiano su Trenitalia pagano in molti casi più del dovuto. C'è una formula matematica basata su un algoritmo che serve infatti a calcolare le tariffe. E adesso le associazioni dei pendolari hanno dimostrato che quell'algoritmo è sbagliato. E minacciano di andare in tribunale per farsi risarcire.

Da tempo le organizzazioni che tutelano chi viaggia in treno, coordinate da Assoutenti, lo denunciavano: affermavano che quegli aumenti che si continuavano ad applicare sui pendolari, in particolare le tariffe per i viaggi sovraregionali, venivano ottenute da calcoli errati. E adesso finalmente c'è la prova. Quell'algoritmo viene utilizzato da ben dieci anni a scapito di chi i treni li usa pressoché quotidianamente per andare a lavorare. L'errore consiste nel fatto che non è stato mai considerato che la tariffa deve essere progressivamente abbattuta sulla base di un calcolo inversamente proporzionale ai chilometri percorsi: più viaggi, meno paghi. Un errore che Trenitalia è stata costretta in sostanza a riconoscere.

Adesso sarà la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome a pronunciarsi in materia. E' compito degli enti locali, ai quali si deve la formulazione delle tariffe, pensare a garantire i soldi necessari sulla base degli impegni con Trenitalia, che a perderci sulle cifre concordate non ci pensa neanche.

Assoutenti: ecco gli extracosti di alcune tratte

Giovedì a Roma, al termine dell'incontro fra Assoutenti e Trenitalia, l'azienda ha ammesso gli extracosti per gli utenti "fino al 33% in più". E ha fatto sapere di aver "posto la questione all'attenzione della Conferenza delle Regioni". Ora serve una nuova formula per calcolare le tariffe che tuteli gli utenti ma anche che "preservi l'equilibrio economico dei contratti di servizio", dice la società in una nota ufficiale.

I viaggiatori hanno ragione, devono pagare meno, ma Trenitalia non intende rinunciare agli introiti: ci pensi quindi la Conferenza delle Regioni. Assoutenti non vuole cedere e fa sapere che o da aprile le tariffe verranno adeguate oppure la questione sarà sottoposta all'Autorità di regolazione dei trasporti e alle Procure, mentre molti viaggiatori andranno dai giudici di pace con gli abbonamenti pagati dal 2007 a oggi a prezzi eccessivi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali