FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Prato dice addio a Luana D'Orazio: tutti i colleghi al funerale | Il vescovo: "Troppi morti sul lavoro, è ora di cambiare"

La cerimonia funebre per la giovane operaia nella parrocchia del Cristo Risorto di Agliana. Alle esequie anche la titolare della ditta in cui è avvenuto il tragico incidente. Giani proclama il "lutto regionale"

luana d'orazio prato
Instagram

C'erano tutti i colleghi di Luana D'Orazio al suo funerale, per dire addio alla 22enne di Prato morta stritolata in un macchinario dell'azienda tessile in cui lavorava. Anche la titolare della ditta ha partecipato alla cerimonia nella chiesa del Cristo Risorto di Agliana, in provincia di Pistoia. All'omelia il vescovo monsignor Fausto Tardelli ha detto: "Quella dei morti sul lavoro è una lunga, lunghissima litania. Occorre che le cose cambino". 

Il vescovo: "Tre morti al giorno sul lavoro, ora basta" - "Due, tre vittime al giorno - ha ripreso il vescovo -. Qualcosa di inaudito. Di inaccettabile. Ora siamo qui attorno al corpo straziato di Luana. La sua storia ha commosso l'intero Paese. Ma il suo corpo straziato è qui a nome di tutti gli altri corpi straziati ogni giorno sui luoghi di lavoro. Viviamo purtroppo in un mondo in balia delle emozioni che si accendono e si spengono in un attimo; in un mondo che vive sull'onda dell'immediato, condizionato spesso dai mezzi di comunicazione. E tutti siamo subito distratti da mille altre cose che facilmente finiscono per giustificare la nostra inerzia". 

 

"Impegno e responsabilità per questi morti" - "Luana e tutti gli altri - ha  chiarito monsignor Tardelli - oggi però stanno qui, in piedi davanti a noi. Ci guardano, ci osservano e ci chiedono conto. Ci dicono che non bastano le emozioni forti, non basta che ci commuoviamo per un momento: occorrono impegno e responsabilità, concretezza, determinazione e scelte coraggiose; occorre che le cose cambino". 

 

In chiesa i genitori, i parenti e tanti amici - In chiesa i genitori di Luana, i parenti, venuti anche da lontano, e tanti amici, che indossano una maglietta con la foto della 22enne. Con loro le autorità, il presidente della Toscana Eugenio Giani, i sindaci dei Comuni della piana industriale tra Pistoia e Prato, Agliana, Montemurlo (dove c'è stato l'incidente mortale), Montale. E fuori dalla chiesa circa 500 persone, tutte distanziate per il Covid. Dopo la funzione religiosa, la salma viene tumulata nel cimitero vicino alla casa dei genitori della giovane. 

 

 

Giani: lutto regionale per la scomparsa di Luana - Per la triste occasione il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani dice di aver voluto "il lutto regionale: spero che tutti i toscani dedichino a lei il loro pensiero e spero che si accompagni al pensiero per tutti coloro che se ne sono andati per incidenti sul lavoro, con l'obiettivo delle istituzioni di fare di tutto, creare tutte le condizioni perché non avvenga più. La sicurezza sul lavoro è fondamentale".

 

Prato in lutto, sindaco e consiglieri in piazza per Luana - In contemporanea con i funerali il sindaco di Prato Matteo Biffoni, il presidente del Consiglio comunale, alcuni assessori e consiglieri comunali sono usciti in piazza del comune per ricordare la giovane operaia e tutte le vittime del lavoro. Le bandiere comunali e il gonfalone sono stati listati a lutto. 

 

Prato, l'intera comunità piange la morte di Luana D'Orazio

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali