FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pisa, gettano candeggina in faccia a venditore ambulante senegalese

Eʼ il secondo caso nel giro di pochi giorni. Sempre la stessa modalità. Il sindaco esclude la matrice razzista: "Altra vittima è italiana"

Due giovani in sella a uno scooter avrebbero lanciato un liquido non meglio identificato, ma che potrebbe essere stata candeggina, sul volto di un venditore abusivo senegalese. E' accaduto nella notte nel centro storico di Pisa: lo straniero è stato soccorso da alcuni passanti prima di farsi medicare agli occhi al pronto soccorso, da dove è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni. Sull'episodio indagano le forze dell'ordine.

La vittima dell'aggressione, identificata in ospedale ma non ancora rintracciata, sarebbe un senegalese destinatario di un provvedimento di espulsione perché clandestino.

Un altro caso nei giorni passati - Questo non sarebbe l'unico episodio che ha preso di mira immigrati. Secondo quanto si apprende già in passato in almeno una circostanza sempre due giovani in sella ad un motorino avevano fatto bersaglio del lancio di un liquido un'altra persona.

Sindaco esclude il movente razzismo - "Combattiamo ogni giorno per una città più sicura e vivibile, lavorando per tutti i cittadini onesti, senza altre distinzioni di sorta. Gli episodi avvenuti sono due distinti: uno verso un cittadino extracomunitario, uno nei confronti di un italiano; sembra di fatto escluso il movente razzista". Lo afferma il sindaco di Pisa Michele Conti, in merito ai due episodi avvenuti nella città della torre pendente. "A questo proposito vorrei rivolgermi ad alcuni esponenti del Pd e delle minoranze - aggiunge Conti in una nota - che non perdono occasione per far polemica strumentalizzando i fatti a fini propagandistici: la smettano di creare falsi allarmi e diano il proprio contributo collaborando con l'amministrazione e le forze di polizia lavorando seriamente, ognuno con il proprio ruolo, per una città più sicura per tutti".

Tantissime le reazioni sui social e tra queste quella del consigliere regionale del Pd, Antonio Mazzeo: "Questa Pisa non è casa mia - ha scritto su Facebook -. Quando si istiga all'odio e alla violenza ci sono imbecilli che si sentono anche in diritto di tirare la candeggina verso un ragazzo di colore. Chi da mesi semina odio oggi almeno chieda scusa". Mazzeo poi si domanda se "il sindaco Conti non dice nulla?". "Massima vicinanza al ragazzo colpito che voglio incontrare non solo per esprimergli la mia solidarietà umana ma anche per convenire sul punto di cessare la propria attività di abusivismo commerciale poiché l'illegalità genera sofferenza e la sofferenza l'odio. Facciamo squadra con tutte le forze sociali della citta' per promuovere un modello che guarda al rigore e al l'inclusione sociale", scrive invece il deputato della Lega Edoardo Ziello.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali