FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze, Salvini strattonato da una 20enne: strappati la camicia e il rosario che aveva al collo

Le forze dellʼordine hanno identificato la giovane, originaria del Congo che, secondo la Questura, era "in evidente stato di alterazione psico-fisica". Il leader della Lega: "Ho pena per chi mi ha aggredito"

Il leader della Lega, Matteo Salvini, appena arrivato a Pontassieve per il suo tour elettorale nel Fiorentino è stato strattonato da una giovane, che gli ha strappato la camicia e il rosario che aveva al collo. Immediato l'intervento delle forze dell'ordine, che hanno identificato la giovane: è una 20enne originaria del Congo che, secondo la Questura, era "in evidente stato di alterazione psico-fisica".

Secondo la Questura, non si sarebbe trattato di un gesto programmato. La giovane, che stava tornado a casa dal lavoro, si sarebbe trovata casualmente in mezzo ai sostenitori della Lega che erano intorno a Salvini. A questo punto ne avrebbe approfittato per avvicinarsi al leader della Lega e afferrarlo per la camicia. L'episodio, spiega la polizia, sarebbe del tutto sganciato dalla manifestazione di protesta contro Salvini, alla quale hanno partecipato alcune decine di antagonisti sempre a Pontassieve.

 

Salvini a Pontassieve: una 20enne gli strappa camicia e rosario

 

Salvini: "Ho pena di chi mi ha aggredito" "Per la 'signora' che mi ha aggredito e insultato non provo rabbia, solo pena e tristezza. Avanti, senza paura e a testa alta". Lo ha affermato Matteo Salvini, precisando che "ognuno può avere idee politiche, calcistiche, religiose diverse, ma la violenza no: la camicia me la ricompro, ma strappare dal collo un rosario che mi ha regalato un parroco è una cosa che non sta né in cielo né in terra, e quella persona si dovrebbe vergognare. La cosa bella che mi porto via da Pontassieve non è quella poveretta là, ma è una signora che mi ha detto 'Matteo, io non la penso come te, ma ti chiedo scusa a nome di quella deficiente, se vuoi ti offro un caffè'". 

 

Lamorgese: "Solidarietà a Salvini, campagna sia serena" "Il Paese ha bisogno di una campagna elettorale serena, basata su un confronto leale e rispettoso di tutte le posizioni politiche, lontana dalle estremizzazioni dei toni e dei comportamenti. Per questo, ogni forma di violenza e di intolleranza, anche solo verbale, deve essere condannata ed isolata per garantire a tutti i protagonisti delle competizioni elettorali la piena libertà di manifestare il proprio pensiero". Così il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, esprimendo la sua solidarietà al senatore Matteo Salvini. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali