FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze: bambino di un anno ucciso dal padre con una coltellata

La tragedia è avvenuta nel corso di una lite in famiglia a Scarperia

A Sant'Agata di Scarperia, un comune del Mugello in provincia di Firenze, un bimbo di un anno è morto dopo essere stato colpito dal padre con un coltello nel corso di una lite familiare. Nell'abitazione era presente anche l'altra figlia della coppia, di 7 anni: il padre avrebbe cercato di colpire anche lei ma la bimba è stata salvata dalla madre che si è messa in mezzo venendo ferita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Firenze, bimbo accoltellato a morte dal padre

Secondo la ricostruzione fatta dagli uomini dell'Arma, Annalisa L. di 30 anni, ha cercato di salvare il piccolo Michele, di un anno, dall'ira del padre rifugiandosi nel terrazzo di casa con in collo il figlio. E' qui che l'uomo, Niccolò Patriarchi, di 34 anni, li ha raggiunti e colpiti più volte con un coltello. L'altra figlia, di 7 anni, si è salvata anche grazie all'intervento dei genitori e del fratello della donna che era riuscita a telefonare ai familiari che poi hanno avvertito i carabinieri. 

L'allarme sarebbe stato dato dalla nonna del piccolo intorno alle 20. Il bimbo, Michele, aveva compiuto un anno il 3 settembre scorso. Sia l'uomo, di professione programmatore informatico, sia la convivente sono già conosciuti alle forze dell'ordine. L'uomo è stato trovato sul posto in stato di shock e subito fermato dai carabinieri, mentre la convivente è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale di Borgo San Lorenzo, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali