FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cagliari, morta in ospedale la donna che ha ucciso i figli disabili

Dopo aver sparato ai due gemelli di 42 anni, Angela Manca ha rivolto il fucile da caccia contro di sè

Cagliari, morta in ospedale la donna che ha ucciso i figli disabili

E' morta in ospedale Angela Manca, la donna che ha ucciso i figli disabili per poi tentare di suicidarsi. La 64enne, di Mandas (Cagliari), aveva prima sparato ai due gemelli, Paolo e Claudio Caledda, che vivevano con lei, con un fucile da caccia, e poi aveva rivolto l'arma contro di sè rimanendo gravemente ferita. Da tempo era affetta da problemi di salute ed era preoccupata per il futuro dei suoi figli.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, anche grazie al racconto di una terza figlia, Angela Manca ha approfittato di un cambio della guardia degli assistenti dei figli per prelevare dalla cassaforte il fucile da caccia di proprietà del genero, regolarmente detenuto, e puntarlo prima verso i gemelli e poi verso se stessa.

Negli ultimi tempi la 64enne era apparsa più stressata del solito ma era comunque sempre seguita non solo dalla figlia medico, ma anche da uno specialista. Precauzioni e attenzioni non sono bastate. Il primo segnale di allarme risale a tre anni fa. Nel novembre del 2015, la donna era stata trovata in casa imbottita di farmaci. Intossicati dai medicinali anche i due gemelli, che allora avevano 39 anni. Tutti e tre si erano salvati ma i medici avevano riscontrato nelle analisi una presenza eccessiva di principi attivi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali