FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

False fatturazioni, i genitori di Renzi agli arresti domiciliari | Lʼex premier: "Provvedimento assurdo"

Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono accusati anche di bancarotta fraudolenta assieme a un terzo soggetto. Lʼex segretario del Pd: "Ho fiducia nella giustizia italiana, ma non mollo di un centimetro". Il gip: "Arresti decisi per pericolo di altri reati"

La guardia di finanza ha posto agli arresti domiciliari Tiziano Renzi e Laura Bovoli per i reati di bancarotta fraudolenta e false fatturazioni. I genitori dell'ex premier Matteo sono accusati, assieme a un terzo soggetto, di aver provocato il fallimento di tre cooperative dopo averne svuotato le casse e ricavato in maniera illecita svariati milioni di euro. "Provvedimento assurdo, ma ho fiducia nella giustizia italiana", ha affermato Matteo Renzi.

Con i genitori dell'ex premier sono indagate altre cinque persone, tra cui Roberto Bargilli, ex autista del camper di Matteo Renzi durante le primarie del Pd del 2012. Gli altri sono gli amministratori delle cooperative che avrebbero agevolato il sistema ritenuto illegale dai giudici.

Il difensore: "Mai vista una cosa del genere" - "Mai vista una cosa del genere: arresti domiciliari a due persone prossime ai 70 anni per fatti asseritamente commessi al più tardi nel 2012. Ci riserviamo ogni valutazione sul merito alla lettura completa delle carte", ha dichiarato l'avvocato Federico Bagattini, difensore di Tiziano Renzi e Laura Bovoli. Il legale ha riferito che i genitori dell'ex premier hanno avuto una reazione "di incredulità, di sconcerto, di prostrazione anche" quando i militari hanno notificato, verso le 18:50, la misura degli arresti domiciliari.

Il gip: "Arresti decisi per pericolo di altri reati" - La misura dei domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli è stata disposta dal gip Angela Fantechi perché sussiste il concreto e attuale "pericolo" che gli indagati commettano reati della stessa specie di quelli per cui si procede, tributari e fallimentari, spiega il giudice. Non solo si tratta di reati che "non sono occasionali", secondo il giudice, ma si inseriscono in un unico programma criminoso che va avanti da molto tempo, realizzato in modo professionale e coinvolgendo numerose altre persone. In più i coniugi Renzi, sempre secondo il gip, stavano abbandonando anche la Marmovid, cooperativa sulla quale pende la richiesta di fallimento.

Matteo Renzi: "Provvedimento sproporzionato, ma ho fiducia nella giustizia" - Dopo aver appreso la notizia, l'ex segretario del Partito democratico ha annullato i suoi impegni al Circolo della Stampa di Torino. "Penso che tutti i cittadini siano uguali davanti alla Legge e dunque sono impaziente di assistere al processo. Perché chi ha letto le carte mi garantisce di non aver mai visto un provvedimento così assurdo e sproporzionato", ha sottolineato Matteo Renzi.

"Non possono eliminarmi con una strategia giudiziaria" - "Se qualcuno pensa che si possa utilizzare la strategia giudiziaria per eliminare un avversario dalla competizione politica, sappia che sta sbagliando persona. Non ho mai avuto così tanta voglia come stasera di combattere per un Paese diverso e per una giustizia giusta", ha affermato ancora l'ex presidente del Consiglio. "So ciò che hanno fatto in questi anni alla mia famiglia. E mi basta per dire che non accetteremo nessun processo nelle piazze o sul web. I miei genitori si difenderanno in aula, come tutti i cittadini. Io continuerò a combattere per questo Paese, forte della mia onestà".

"Non mollo di un centimetro" - Renzi ha poi rincarato la dose: "Voglio che sia chiaro a tutti che io non mollo di un solo centimetro. La politica non è un vezzo personale, ma un dovere morale. Se qualcuno pensa che si possa utilizzare la strategia giudiziaria per eliminare un avversario dalla competizione politica sappia che sta sbagliando persona. Non ho mai avuto così tanta voglia come stasera di combattere per un Paese diverso e per una giustizia giusta".

"Tutto questo perché ho tentato cambiare l'Italia" - Dopo aver aggiunto di "sentirsi responsabile" per l'arresto dei genitori, Matteo Renzi ha inoltre dichiarato: "Se io non avessi fatto politica, la mia famiglia non sarebbe stata sommersa dal fango. Se io non avessi cercato di cambiare questo Paese, i miei oggi sarebbero tranquillamente in pensione". E ancora: "Casualmente questo arresto è avvenuto proprio oggi".

Le accuse - I tre sono stati nel tempo amministratori di fatto di tre società, due delle quali dichiarate fallite. Le ipotesi di reato contestate riguardano da un lato l'emissione, tra il 2013 e il 2018, di fatture per operazioni inesistenti all'interno di una delle cooperative e, dall'altro, un'ipotesi di bancarotta fraudolenta che sarebbe stata commessa per le due altre società tra il 2010 e il 2013.

Le indagini - Come riporta il Corriere, la svolta nelle indagini era arrivata nell'autunno 2018 grazie all'esame della documentazione acquisita presso la "Eventi 6", la società di famiglia già finita sotto inchiesta proprio per una gestione "allegra" e la sparizione di fondi. Nel mirino erano finite tre cooperative: "Delivery", "Europe service Srl" e "Marmodiv". Queste ultime due furono perquisite nei mesi scorsi e il materiale sequestrato (libri contabili, fatture, contratti) avrebbe corroborato l'ipotesi accusatoria convincendo i magistrati e chiedere l’arresto dei coniugi Renzi per il timore di inquinamento delle prove, ma anche per la reiterazione del reato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali