FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Banca Etruria, parla un direttore: "Una vergogna, abbiamo truffato i clienti"

Il dipendente confessa le indicazioni ricevute dai vertici: "Seguivamo i clienti fino in ospedale e taroccavamo i questionari Mifid"

Banca Etruria, parla un direttore: "Una vergogna, abbiamo truffato i clienti"

"Seguivamo i clienti in ospedale, nelle case di cura, sotto le scuole mentre aspettavano i figli e alla fine sapevamo che stavamo vendendo prodotti rischiosissimi". A parlare è un direttore di filiale di Banca Etruria che, con garanzia di anonimato, confessa le nefandezze compiute nei confronti dei clienti. Per vendere le rischiosissime obbligazioni subordinate arrivavano a taroccare i questionari Mifid.

Chi parla al quotidiano Repubblica è un direttore di filiale di Banca Etruria del centro Italia ancora dipendente dell'istituto. E quello che confessa fa pensare ad una vera e propria truffa nei confronti dei risparmiatori. "Parliamo di persone che hanno una scolarità finanziaria pari allo zero", dice ancora. E quindi come facevano a superare l'ostacolo del Mifid, il questionario obbligatorio per stabilire il livello di rischio che un investitore può affrontare? "Semplice, nel 95% dei casi lo compilavamo noi e ai clienti chiedevamo solo di firmarlo".

La vendita senza scrupoli di prodotti così rischiosi è proseguita senza sosta anche quando Bankitalia ha acceso un faro su Banca Etruria. "Tra il 2012 e il 2013, nel momento in cui i dirigenti e gli operatori del settore sapevano la situazione critica della Banca, abbiamo venduto la maggior parte delle obbligazioni", dice il direttore. E per superare le richieste di Bankitalia ai clienti è stato fatto rifirmare un documento che li metteva a conoscenza dell'alto rischio dei prodotti nel loro portafoglio. "Peccato che nessuno leggeva quello che gli facevamo firmare".

"Abbiamo fatto delle cose vergognose" - Ma il momento più basso, quello della "vergogna" usando le parole stesse della gola profonda, è arrivato nel giugno 2015. I commissari di Etruria si erano accorti dei Mifid taroccati e hanno fatto arrivare lettere ai clienti invitandoli a tornare in filiale perché nel loro portafoglio investimenti c'erano prodotti non adatti ai loro profili. Il tutto con un linguaggio formale, troppo formale. Tant'è che per i dipendenti di Banca Etruria è stato semplicissimo superare questo ostacolo: "Abbiamo detto che era una pura formalità e facevamo rifirmare lo stesso documento". La gola profonda dice però che lui personalmente aveva invitato i suoi clienti a rivolgersi alle associazioni dei consumatori. Un pentimento, forse tardivo però.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali