FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, neonato morto: per lʼautopsia il decesso fu per la caduta sullʼasfalto

Portata in carcere la madre ha confermato la versione resa la notte del fermo; il gip si è riservato la decisione sulla convalida dellʼarresto

Torino, neonato morto: per l'autopsia il decesso fu per la caduta sull'asfalto

"Le ferite riportate dal bambino sono compatibili con una caduta dall'alto". Lo afferma il procuratore di Ivrea Giuseppe Ferrando, in merito agli esiti dell'autopsia eseguita sul neonato morto martedì in ospedale a Torino dopo che la madre lo aveva abbandonato in strada a Settimo Torinese. I primi responsi confermerebbero, dunque, l'ipotesi investigativa secondo cui la donna, ora in carcere e sottoposta a nuovo interrogatorio, avrebbe lanciato dal balcone il bebè appena partorito. Il gip si è riservato la decisione sulla convalida dell'arresto.

In carcere un nuovo interrogatorioÈ durato poco più di un'ora l'interrogatorio della 34enne torinese accusata dell'omicidio aggravato del neonato che aveva appena partorito. Dimessa dall'ospedale Sant'Anna, la donna è stata ascoltata presso la casa circondariale Lorusso Cotugno dal gip di Ivrea Francesco Scialabba e dal pm Lea Lamonaca.

"La mia assistita ha confermato la versione resa la notte del fermo, martedì scorso, davanti al pm", ha spiegato il difensore d'ufficio Patrizia Mussano, all'uscita dal carcere. La donna ha ribadito di essere lei la madre del piccolo e ha detto di non ricordarsi nulla di ciò che è avvenuto dopo il parto. Il gip si è riservato la decisione sulla convalida dell'arresto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali