FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Terni, prende un permesso con la 104 ma posta su Fb le foto della vacanza: avviato iter di licenziamento

Doveva stare a casa ad assistere i suoi cari malati, invece si sarebbe presa alcuni giorni di relax

Terni, prende un permesso con la 104 ma posta su Fb le foto della vacanza: avviato iter di licenziamento

Prendeva giorni liberi da lavoro, grazie ai permessi retribuiti della legge 104, e poi li sfruttava per andare in vacanza. Questa volta il furbetto è una dipendente dell’azienda ospedaliera di Terni.  La direzione mantiene il massimo riserbo sulla vicenda, ma sembra che la donna abbia postato su Facebook le foto dei suoi giorni di relax, mentre avrebbe dovuto essere a casa ad accudire un suo caro malato. È stata avviata la procedura di licenziamento.

È solo l’ultima storia, di furbetti della 104: la legge che prevede delle agevolazioni lavorative per i familiari di persone affette da disabilità, così da permettergli di accudire i loro parenti malati. La scorsa estate a utilizzare irregolarmente i permessi retribuiti fu un dipendente della Usl 1 Umbria in servizio a Todi. Anche allora a mettere nei guai il lavoratore furono alcune foto postate sui social.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali