FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Taranto, pagate 33 centesimi l’ora: la protesta delle centraliniste

A Mattino Cinque la testimonianza delle donne sfruttate in un call center e costrette a lavorare 6 ore al giorno per 92 euro al mese

Uno stipendio mensile di 92 euro, una paga di 33 centesimi all’ora: ecco le condizioni da fame di alcune lavoratrici di un call center con sede a Taranto. Mattino Cinque ha raccolto le testimonianze di queste donne, madri di famiglia che sono state sfruttate e lese nella loro dignità di lavoratrici: “Adesso stiamo lottando, ma siamo rimaste senza lavoro” dice una delle centraliniste. “Quando mi sono lamentata, mi hanno detto questo è se ti sta bene, altrimenti quella è la porta”, racconta un’altra dipendente del call center che ora è stato chiuso. Le lavoratrici sfruttate si sono unite e hanno denunciato l’azienda, non solo per questi stipendi inaccettabili, ma per alcune pratiche lesive della dignità umana e professionale, come ad esempio le pause per il bagno decurtate dalla busta paga. “Non potevi fare due minuti di ritardo o andare 5 minuti in bagno che il contagiri smetteva di girare e ti scalavano minuti e ore”. Adesso però queste centraliniste si ritrovano senza un lavoro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali