FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tallio, la badante avvelenata: "Io al posto sbagliato nel momento sbagliato"

A "Pomeriggio Cinque" l’intervista esclusiva a Serafina, la badante dei nonni di Mattia Del Zotto

"Non mi aspettavo una cosa del genere”. Esordisce così Serafina, l’assistente dei nonni paterni di Mattia Del Zotto, il killer che ha ucciso avvelenando poco a poco con il solfato di tallio, i propri nonni e una zia.

La donna parla in esclusiva a "Pomeriggio Cinque" mentre è ancora  in ospedale: “Sono ricoverata dai primi di ottobre, ora sto un po' meglio, ma non cammino ancora con le mie gambe. Avevo un po' di febbre e nausee, poi mi hanno chiamato dal pronto soccorso e lì si sono accorti del tallio nel sangue”, ha dichiarato la donna. Serafina sottolinea poi che Del Zotto non ce l’aveva con lei ma che forse "mi sono trovata in un momento sbagliato in quella casa o forse Mattia voleva farla pagare anche a me, ma non so per quale motivo".

Intanto le condizioni degli altri parenti avvelenati sono stazionarie. Alle telecamere di Pomeriggio Cinque parla anche una zia di Del Zotto: “A noi sembrava un ragazzo normalissimo”. Secondo quanto ricostruito Mattia avrebbe avvelenato i propri familiari aggiungendo il tallio nelle bottiglie di acqua acquistate dai parenti e che si trovavano nella cantina comune della villa di Nova Milanese dove tutti loro abitavano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali