FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Avvelenati con il tallio, Del Zotto ha risposto alle domande del gip

Mattia Del Zotto, accusato dellʼomicidio dei nonni e di una zia, è in cella da solo, sorvegliato 24 ore su 24. Ha chiesto libri sullʼebraismo

Avvelenati con il tallio,  Del Zotto ha risposto alle domande del gip

E' terminato nel carcere di Monza l'interrogatorio di Mattia Del Zotto, il 27enne arrestato per il triplice omicidio dei nonni e della zia con il tallio. Il giovane di Nova Milanese, sorvegliato a vista dagli agenti di polizia penitenziaria, ha chiesto di poter avere libri legati alla religione ebraica.

Arrivato in carcere in piena notte mercoledì, Del Zotto è apparso gelido, come se avesse alzato una "barriera" per rinchiudersi in un suo mondo. Nel colloquio fatto al momento dell'ingresso, ha toccato le tematiche religiose chiedendo appunto libri sull'ebraismo. A tale fede, aveva detto durante un interrogatorio, si è avvicinato da circa tre anni.

Il direttore della casa circondariale, Maria Pitaniello, ha concordato con il procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti, titolare dell'inchiesta, di sottoporre il giovane non solo a un regime di sorveglianza "intensivo" ma anche a un monitoraggio continuo da parte degli psichiatri e degli psicologi interni per valutare lo stato di salute mentale. Ci sarà quindi un lavoro d'equipe tra i medici, la polizia penitenziaria, la direzione del carcere, per accertare quali siano effettivamente le sue condizioni psicologiche, in modo da cercare poi di inserirlo nella vita carceraria.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali