FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Striscia la notizia, sanzioni per gli assegni senza dicitura "non trasferibile"

Il mago Casanova è tornato ad occuparsi di una "trappola" in cui cadono migliaia di persone

L'inviato di Striscia la Notizia, il Mago Casanova, torna ad occuparsi degli assegni senza la dicitura "non trasferibile" causa di decine di migliaia di multe ad altrettanti correntisti italiani. La trasmissione di Canale 5 ha infatti già documentato nei mesi scorsi l'obbligo di inserire la dicitura in questione sugli assegni dal valore superiore ai 1.000 euro così da evitare sanzioni amministrative.

Nel frattempo, però, sono state diverse le segnalazioni da parte dei cittadini multati: "Qualche mese fa ho acquistato un’auto pagandola con un assegno su cui mancava la dicitura 'non trasferibile', non se n'è accorto né il concessionario e nemmeno la banca che ha incassato l’assegno. Se n’è accorto il Mef (Ministero dell’Economia e della Finanza ndr) che mi ha recapitato una multa per 6mila euro", racconta una signora. Dopo l'intervento di Striscia, la Banca d’Italia ha risposto tramite una mail ufficiale specificando che "sono pronti a valutare qualunque esposto" e sottolineando che le banche "possono e devono andare incontro ai loro clienti per trovare soluzioni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali