FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Terremoto, la bufala che colpisce le aziende di Norcia e della Valnerina danneggiate dal sisma

La polizia postale fornisce consigli utili per non cadere nei tranelli

Terremoto, la bufala che colpisce le aziende di Norcia e della Valnerina danneggiate dal sisma

Il dramma delle popolazioni colpite dal terremoto non impedisce, comunque, la diffusione di bufale. Questa volta a essere prese di mira sono le aziende di Norcia e della Valnerina. "Ci giungono ormai da moltissime ore segnalazioni in merito a vendite online di prodotti tipici dalle zone colpite dal terremoto", scrive su Facebook la polizia Postale, che fornisce una serie di consigli per non farsi trarre in inganno.

"I nostri controlli, non ancora completi per la difficoltà di operare in situazioni di emergenza come quelle delle zone colpite dal sisma, non ci consentono di escludere a priori la genuinità di alcune offerte - scrive la polizia - Raccomandiamo a tutti coloro che fossero interessati ad acquisti online di rispettare quelle che sono le regole di base per un acquisto sicuro".

I consigli utili da seguire riguardano: il prezzo, se eccessivamente conveniente potrebbe essere fasullo; le descrizioni, se troppo brevi e poco dettagliate è bene informarsi meglio; le foto, se grandi e belle controllare su Internet che non siano prese da altri siti. Grande attenzione ai pagamenti sul web: meglio utilizzare metodi rintracciabili come IBAN su conto italiano e PayPal. 

A circolare sono anche bufale al contrario, quelle che fingono di smascherare qualcosa. Anche in questo caso nel mirino le aziende colpite dal sisma. Su Facebook e Whatsapp gira, infatti, un messaggio fasullo che boicotta gli acquisti online veritieri di prodotti di Norcia e della Valnerina, in cui si chiede di contattare la Guardia di Finanza del posto per verificare. Così le fiamme gialle di Spoleto hanno ricevuto una tempesta di telefonate. Al momento, comunque, come riporta Perugiatoday, la Guardia di Finanza e il Comando Regionale dell'Umbria non hanno né ricevuto comunicazioni ufficiali né aperto indagini.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali