FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il caso Giulia Ballestri raccontato in un minuto

"Quarto Grado Files" ripercorre la vicenda della 39enne uccisa a bastonate a Ravenna il 16 settembre 2016

In questa puntata, "Quarto Grado Files" - la video rubrica legata al programma televisivo condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero che ripercorre i più importanti fatti di cronaca - si concentra su Giulia Ballestri, la donna di 39 anni uccisa a bastonate a Ravenna il 16 settembre 2016.

Quella mattina, Giulia, madre di tre bambini, porta i figli a scuola con il marito, il noto dermatologo Matteo Cagnoni. Successivamente, i due fanno colazione in una pasticceria della città per poi raggiungere la villa disabitata della famiglia Cagnoni, in via Padre Genocchi, dove devono fotografare un quadro. Da quel momento, si perdono le tracce di Giulia, mentre Cagnoni, con i figli, si reca a casa dei suoi genitori a Firenze per il weekend. Alcuni video riprendono il suo andirivieni nel cortile della villa fiorentina mentre nasconde alcuni oggetti - che prende dal bagagliaio - dietro ad una siepe. Tra questi anche due cuscini.

Il corpo di Giulia viene trovato nella villa di Ravenna il 19 settembre. Il giorno stesso, Cagnoni, dopo una fuga rocambolesca, viene fermato con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Giulia e il marito si stavano separando, lei aveva conosciuto un altro uomo. Matteo comunque si dichiara innocente. Il 22 giugno 2018, la Corte d'assise di Ravenna lo condanna all'ergastolo per l'omicidio pluriaggravato della moglie.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali