FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sparatoria Macerata, il titolare della palestra che frequentava Traini: “Ho dovuto cacciarlo”

Francesco Clerico a Mattino 5 descrive l’autore del raid contro i migranti: "Non era così, quelle idee gliele hanno inculcate”

Già prima della sparatoria di Macerata i problemi di Luca Traini pare fossero evidenti. Lo conferma infatti la testimonianza del titolare della palestra frequentata dal 28enne, autore del raid contro i migranti nella città marchigiana, a Mattino 5. “Lui si vantava di essere stato definito borderline”, racconta Francesco Clerico parlando della perizia psichiatrica cui era stato sottoposto il giovane ora in carcere con l’accusa di tentata strage

“Luca non è un criminale, ha compiuto un gesto criminale, ma non lo è”, prosegue l’imprenditore che è stato comunque costretto a cacciare dalla sua palestra Traini, per via delle sue tesi razziste e il suo odio ostentato per gli stranieri. “Ha dei problemi, è un emarginato sociale, una persona che andrebbe aiutata”, ha continuato Clerico ai microfoni della trasmissione di Canale 5. “Tutti vi diranno che lui è un buono, generoso, tant’è che in palestra aveva anche amici di colore”.  Il titolare della palestra ha anche spiegato che 10 anni fa Luca “non era così, quelle idee gliele hanno inculcate”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali