FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sondrio, il dolore della mamma nigeriana vittima di insulti razzisti: "Non sono una scimmia"

Intervistata da "La Repubblica, la donna commenta incredula: "Se mi hanno insultato perché sono nata in Nigeria, non ho nulla da dire"

ospedale sondrio
Ansa

Urlava di disperazione. La sua bimba di 5 mesi era morta subito dopo il ricovero al Pronto soccorso di Sondrio e la donna, una nigeriana di 22 anni è stata insultata da più pazienti che, dalla sala d'aspetto, sentivano la sua voce strozzata dal dolore: "Fate tacere quella scimmia, tanto quelle come lei ne sfornano uno all'anno". Intervistata dalla "Repubblica, lei replica: "Non sono una scimmia, sono una mamma". 

"Quella bimba era un dono del cielo - racconta - per essere scappata dalla fame. L'avevo sognata per tanto tempo. Era la speranza di una vita più umana". 

 

La tragedia è avvenuta nel giro di pochissimo. Quando si è accorta che la sua bimba all'improvviso non respirava più, la donna e il suo compagno, un immigrato dalla Costa d'Avorio, l'hanno avvolta in una coperta e si sono catapultati in strada per chiedere aiuto. Grazie a un passaggio - i due non possiedono l'automobile -  in pochi minuti hanno raggiunto il pronto soccorso.

 

I medici hanno fatto tutto il possibile per salvarla, ma per la piccola Mistura, così l'avevano chiamata, non c'è stata più speranza. La sua mamma gridava disperata - racconta uno dei soccorritori - non stava in piedi e batteva la testa per terra. Una scena straziante, ha commosso tutti. Così le abbiamo portato il corpo della figlia senza vita: l'ha abbracciata e si è calmata". 

 

"Fate tacere quella scimmia, tanto quelle come lei ne sfornano uno all'anno".  E' la frase pronunciata da uno dei pazienti nella sala d'aspetto. "Per loro perdere un figlio è diverso". A fargli eco, altri commenti sui "riti voodoo, le tradizioni sataniche e tribali". Ad ascoltarli due donne, una mamma e una figlia. E' stata la più giovane, la 24enne Francesca Gugiatti, maestra e consigliere comunale, a denunciare l'episodio. E dalla piccola piazza di Sondrio, questa storia ha parlato a tutta Italia. 

"Se mentre mia figlia moriva, qualcuno mi ha insultato perché sono nata in Nigeria, non ho nulla da dire - è il commento della giovane madre, che conclude: "Sono loro casomai a dovermi spiegare come si fa a trasformarsi in persone così". 

Sarà l'autopsia a stabilire cosa abbia ucciso la piccola Mistura, probabilmente vittima di una "morte bianca". Sul fronte giudiziario il percorso è, invece, più complicato. I carabinieri cercano testimoni tra i presenti in sala d'aspetto. Francesca Grugiatti è stata sentita in questura. Difficile, però, senza la prova di una chiara volontà di offendere e senza altre voci, sostenere l'accusa di razzismo contro ignoti. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali